Fondazione Michelin-Eurofidi: accordo per l’occupazione in Piemonte

 

Michelin - foto di arneonreloi@yahoo.frSono circa 350 le aziende piemontesi - in particolare nei settori dell'industria, dell'artigianato e dei servizi alla persona - che potranno richiedere un contributo a fondo perduto per l'abbattimento degli interessi bancari e dei costi di garanzia grazie all'intesa siglata da Fondazione Michelin Sviluppo (FMS) ed Eurofidi. Obiettivo: favorire l’occupazione di nuovi addetti presso le imprese regionali.

L'iniziativa interesserà le zone in cui sono presenti gli stabilimenti Michelin - i comuni di Alessandria, di Cuneo e della provincia di Torino - ed è rivolta alle imprese intenzionate ad assumere un minimo di quattro addetti entro tre anni.

Il finanziamento massimo ammesso al rimborso ammonta a 100mila euro. La FMS rimborserà le spese di finanziamento (gli interessi del finanziamento bancario, i costi dell’intervento a garanzia di Eurofidi), interamente o in parte, sulla base degli accordi presi con le singole imprese.
La garanzia di Eurofidi, invece, è prevista fino al 60%, aumentabile fino all'80% per:

  • le imprese femminili,
  • le imprese dell'indotto di grandi aziende in amministrazione straordinaria,
  • imprese sociali,
  • aziende appartenenti a contratti di rete e con operazioni di durata pari o superiore a 36 mesi.

Eurofidi prevede anche l’esenzione delle spese di segreteria e uno sconto fino al 30% sul costo delle commissioni di garanzia.

"L'accordo con la Fondazione Michelin Sviluppo - ha spiegato il presidente di Eurofidi Massimo Nobili - ci dà la possibilità di contribuire ad incrementare i livelli occupazionali delle piccole e medie aziende. Auspichiamo che siano molte le imprese piemontesi, che potranno aderire all'iniziativa".
L’intesa rappresenta "uno strumento essenziale per offrire una boccata d'ossigeno al mondo delle Pmi", ha commentato l'assessore al lavoro Claudia Porchietto.

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti