Rifiuti: Ue, aumentare il riciclo per trasformarli in risorsa

 

impianti per il riciclaggio - foto di epSos.deTrasformare i rifiuti in risorsa è una possibilità concreta. Basti pensare che, in Europa, il settore del riciclaggio ha fatturato 145 miliardi di euro e creato occupazione per circa 2 milioni di persone nel 2008. Cifre che, secondo la Commissione, potrebbero crescere, raggiungendo i 42 miliardi di euro di fatturato e creando altri 400mila posti di lavoro, se la politica Ue sui rifiuti fosse attuata pianamente. Gli strumenti per migliorare la gestione degli scarti già in uso negli Stati membri più virtuosi, che riciclano fino al 70% del totale, sono segnalati nel rapporto finale “Use of economic instruments and waste management performances”.

Il modello di riferimento per i buoni risultati nel processo di riciclaggio viene individuato in paesi come Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Olanda e Svezia, dove solo il 3% dei rifiuti non viene riciclato. Un traguardo molto distante per l'Italia, che invece invia in discarica il 40,6% di ciò che getta.

Ad incitare i paesi che riciclano di meno a cambiare rotta è il commissario per l'ambiente Janez Potočnik. "I rifiuti sono troppo preziosi per essere buttati via. Gli Stati che hanno saputo sfruttare il loro valore hanno contestualmente creato industrie fiorenti e numerosi posti di lavoro. La prevenzione, il riutilizzo e il riciclaggio devono diffondersi in tutta l'Unione. E' uno degli obiettivi centrali della Tabella di marcia verso l'impiego efficiente delle risorse", ha concluso Potočnik.

La Commissione indica nel rapporto le buone pratiche per alzare la percentuale di scarti a cui ridare vita sotto una nuova forma. La combinazione di 3 fattori risulta essere la soluzione più efficace per incanalare i flussi dei rifiuti verso percorsi più sostenibili:

  • imposte e/o divieti sulle discariche e sull'incenerimento. I risultati dello studio mostrano come le percentuali di conferimento in discarica e di incenerimento sono scese nei paesi in cui tasse o divieti hanno innalzato i costi di tali operazioni;
  • sistemi di "paga quanto butti", la proposta Ue volta a sensibilizzare i cittadini sulla raccolta differenziata che si è rivelata molto efficiente nel prevenire la produzione di rifiuti;
  • meccanismi di responsabilizzazione dei produttori, sistemi che hanno consentito a vari Stati membri di raccogliere e ridistribuire i fondi necessari a migliorare la raccolta differenziata e il riciclaggio.

Links

Use of economic instruments and waste management performances

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti