Liguria: imminente un bando per formazione professionale e valorizzazione delle tradizioni

 

Artisans - foto di GwiliSarà pubblicato entro il mese di aprile un bando regionale da 2 milioni di euro finalizzato a promuovere il recupero dei mestieri tradizionali e, al tempo stesso, incentivare la formazione e l'inserimento nel mercato del lavoro dei giovani e adulti. Ad annunciarlo è stato l'assessore alla formazione e al bilancio della Regione Liguria, Pippo Rossetti.

Il progetto, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, rientra in una più ampia strategia interregionale di valorizzazione della tradizione locale che vede coinvolte, oltre alla Regione Liguria in qualità di capofila, anche Toscana, Puglia, Sardegna, Piemonte, Lazio, Basilicata e Provincia autonoma di Bolzano.

In vista dell'attuazione del bando sono stati individuati 25 mestieri riconducibili alla storia del territorio regionale. Tra quelli più caratteristici, il compositore di fiori secchi, il cioccolataio e il produttore di damaschi, ma anche lavori più comuni come il fabbro, il falegname di mobili artistici, il sarto e il riparatore di biciclette.

"Entro aprile – ha spiegato l'assessore Rossetti – contiamo di far partire il bando rivolto in particolare ai giovani per offrire loro opportunità di inserimento professionale, assicurando le competenze teoriche e pratiche necessarie, comprese quelle per favorire la creazione di micro-imprese artigiane e stimolare il ricambio generazionale".

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti