Cooperazione UE-Israele su clima, turismo, spazio e PMI

 

Gerusalemme - foto di Wayne McLeanLa cooperazione di Unione europea e Israele in ambito climatico è stata l'argomento principe della Conferenza - promossa dalla delegazione Ue in Israele, dal ministero per l'Ambiente e dal Centro di ricerca ambientale israeliani - tenutasi l'1 e il 2 novembre scorsi ad Haifa.

Durante l'evento sono stati affrontati anche altri temi, tra cui i progetti di ricerca realizzati nell'ambito del Settimo Programma Quadro dell'UE e quelli nell'ambito delle relazioni euro-mediterranee, quali:

  • Med Enec II, programma sull'efficienza energetica nel settore dell'edilizia;
  • il piano solare per il Mediterraneo;
  • Horizon 2020, iniziativa tesa a combattere l'inquinamento del Mediterraneo.

Inoltre, Israele e UE hanno concordato sulla necessità di migliorare la cooperazione nei settori dello spazio e del turismo, formulando due dichiarazioni congiunte di intenti, firmate dal vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, e dal ministro israeliano dell'Industria, del Commercio e del Lavoro, Shalom Simhon.

La collaborazione in ambito spaziale proseguirà e sarà ulteriormente sviluppata nel contesto dell'iniziativa Galileo Israel User Segment, mentre per ciò che riguarda il settore turistico è stata sottolineata la volontà di entrambi i partner di rafforzare la cooperazione bilaterale, attraverso diverse iniziative.

Anche il campo della cooperazione industriale e imprenditoriale verrà rafforzato, con un focus principale sull'innovazione, i programmi di navigazione satellitare e le PMI.

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti