Boom di richieste per il bonus tv 2021: come funziona e come richiedere i 100 euro

Bonus tv 2021 da 100 euro - Foto di cottonbro da PexelsIl bonus tv fa quadruplicare la vendita di televisori. A una settimana dalla partenza dell'agevolazione, l'Associazione dei rivenditori specializzati in elettrodomestici ed elettronica di consumo (Ancra), aderente a Confcommercio, ha registrato un'impennata nella domanda di apparecchi compatibili con i nuovi standard di trasmissione.

Cosa prevede il dl Sostegni bis

Scattato lo scorso 23 agosto, il bonus rottamazione tv ha decisamente conquistato gli italiani: "dal 23 al 29 agosto le vendite di tv sono quadruplicate, passando da un prezzo medio di 400 euro a uno di circa 500-550 euro. Il 60 per cento dei tv venduti riguarda la fascia dai 40 pollici in su. La maggior parte delle vendite, inoltre, è stata fatta privilegiando i negozi fisici, con una flessione del canale web. Ciò a causa delle procedure richieste per la rottamazione", ha spiegato il presidente di Ancra, Pier Giovanni Schiavotto.

Nonostante il mercato in questo specifico settore fosse già in aumento dalla seconda metà del 2020, è grazie al provvedimento del Governo che si è impressa una maggiore spinta a rinnovare gli apparecchi televisivi domestici alla luce dei nuovi standard di trasmissione televisiva.

Lo stesso presidente Schiavotto ha poi rassicurato a proposito dello smaltimento dei dispositivi non più idonei: "il termine rottamazione potrebbe far pensare a vecchi tv abbandonati a loro stessi. Nulla di più sbagliato. Il sistema cosiddetto Raee si occupa di riciclarli tutelando l'ambiente".

Cos'è e come funziona il bonus tv 2021

Definito dal decreto MISE del 5 luglio pubblicato in Gazzetta ufficiale il 7 agosto scorso, il bonus rottamazione tv è un incentivo per sostituire i vecchi apparecchi televisivi in vista dell'arrivo dei nuovi standard di trasmissione Dvb-T2 HEVC. 

Il bonus tv si può ottenere rottamando un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018 e acquistando un nuovo apparecchio, rientrante nell’elenco del MISE delle apparecchiature idonee.

L'obiettivo del bonus rottamazione tv, infatti, è quello di favorire la sostituzione di apparecchi televisivi che non saranno più idonei ai nuovi standard tecnologici, al fine di garantire la tutela ambientale e la promozione dell’economia circolare attraverso un loro corretto smaltimento.

Il bonus arriva fino a un massimo di 100 euro e si traduce in uno sconto del 20% sul prezzo finale di acquisto del nuovo televisore, comprensivo di Iva.

Non ci sono limiti di Isee per ottenerlo. Il bonus è riconosciuto una sola volta per l’acquisto di un solo apparecchio per ogni utente identificato dal codice fiscale. 

Il bonus tv 2021 è inoltre cumulabile con quello previsto dal decreto interministeriale del 18 ottobre 2019, vale a dire il bonus per l’acquisto di un televisore o di un decoder in linea con i nuovi standard televisivi (l’importo è però ridotto a 30 euro o al minore valore pari al prezzo di vendita se inferiore).

Quali sono i requisiti per ottenere il bonus tv

Sono i tre requisiti per beneficiare dell’incentivo:

  • la residenza in Italia,
  • il pagamento in regola del canone Rai,
  • la rottamazione di un televisore.

Per quest’ultimo requisito si intende la rottamazione di un apparecchio acquistato prima del dicembre 2018 e non compatibile con i nuovi standard di trasmissione. 

Questa attività può essere svolta secondo due diverse modalità. La prima è più semplice e prevede che la rottamazione avvenga in sede di acquisto del nuovo televisore, consegnando il vecchio al rivenditore e ottenendo il bonus fino al 20% del costo comprensivo di Iva. Sarà poi lo stesso rivenditore a smaltire il vecchio apparecchio e a riscattare tramite compensazione il credito fiscale pari allo sconto effettuato al cliente.

Più complessa la seconda modalità, che prevede che il cliente possa smaltire da solo il vecchio apparecchio in una discarica autorizzata. In questo caso un modulo certificherà l’avvenuta rottamazione in discarica, specificando che il titolare è in regola con il pagamento del canone Rai e che è stato rottamato un televisore non conforme ai nuovi standard. Il modulo controfirmato sarà necessario, insieme al documento di identità, per richiedere al rivenditore lo sconto sul prezzo di acquisto di un nuovo apparecchio.

Indipendentemente dal tipo di rottamazione, i dati relativi all’acquirente verranno inseriti su una piattaforma telematica per accertare l’esistenza dei requisiti da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Come richiedere il bonus tv 2021

Dal 23 agosto i cittadini possono richiedere il bonus rottamazione tv per l’acquisto di televisori compatibili con i nuovi standard tecnologici di trasmissione del digitale terreste Dvbt-2/Hevc Main 10.

Sempre nella stessa data, i rivenditori di apparecchi televisivi possono utilizzare la piattaforma dell’Agenzia delle Entrate per ricevere l’autorizzazione al rilascio del bonus rottamazione TV.

Inoltre con risoluzione n. 55/E del 23 agosto, l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6927, per consentire l’utilizzo in compensazione - tramite il modello F24 - del credito d’imposta per il recupero degli sconti praticati dai rivenditori agli utenti finali per l’acquisto di nuovo apparecchio televisivo.

Il plafond a disposizione della misura è pari a circa 220 milioni di euro, 30 milioni sono stati invece già erogati con il precedente incentivo. Sulla base dell’utilizzo della misura, potrebbe essere previsto un ulteriore finanziamento del bonus nella prossima legge di Bilancio.

Digital Europe: fondi UE per transizione digitale