Intesa CDP-Banca Iccrea: 250 milioni per finanziare le imprese

 

Accordo CDP-Banca IccreaGrazie ad un nuovo accordo tra CDP e Banca Iccrea, le imprese agricole e agroalimentari italiane hanno a disposizione 250 milioni di euro per investimenti ed export.

Finanziamenti SIMEST: salgono i massimali in favore delle imprese che vogliono internazionalizzarsi

Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e Iccrea Banca, Capogruppo del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea, hanno siglato un protocollo d’intesa che sancisce l’avvio di una collaborazione per promuovere iniziative congiunte a sostegno delle imprese italiane.

Il primo atto concreto dell’accordo consiste nella concessione di un finanziamento a lungo termine di 250 milioni di euro da parte di CDP, che il Gruppo Iccrea impiegherà integralmente per concedere nuovi finanziamenti a PMI e Mid-Cap, operanti nei settori agricolo e agroindustriale. 

Nell’ambito dell’accordo, è previsto inoltre di estendere la collaborazione in settori rilevanti fra cui il comparto turistico-alberghiero.

L’iniziativa si inquadra nelle linee strategiche del Piano industriale 2019-2021 di CDP che prevede, in piena sinergia e complementarietà con il sistema bancario, specifiche azioni di supporto alle imprese, promuovendo un allungamento delle scadenze dei finanziamenti e fornisce, peraltro, un concreto sostegno nell’attuale fase di emergenza.

Legge conversione dl Rilancio: guida ai fondi per l'agricoltura

Cosa prevede l’accordo CDP - Iccrea Banca

Più nello specifico, i 250 milioni permetteranno finanziamenti che potranno avere una durata fino a 15 anni, in modo da supportare la realizzazione di progetti complessi, tipici dei settori destinatari dell’iniziativa.

L’operazione, pertanto, intende:

  • Facilitare l’accesso al credito di piccole e medie imprese;
  • Favorire l’allungamento delle scadenze dei prestiti alle imprese, in linea con le specifiche esigenze del comparto agricolo e agroindustriale. 

La partnership intende poi sviluppare strumenti di finanza alternativa come i cosiddetti “basket bond”, cioè operazioni di cartolarizzazione di mini-bond appositamente emessi da imprese PMI e Mid-Cap, in relazione ai quali CDP e Iccrea agirebbero in qualità di investitori principali, attraendo così ulteriori capitali privati.

Un ulteriore ambito di collaborazione riguarderà le operazioni dirette in co-finanziamento a favore di Mid-Large Corporate a sostegno di investimenti nei settori della ricerca, innovazione, infrastrutture, real estate, valorizzazione del patrimonio culturale, ambiente ed energia, lo sviluppo sostenibile (ESG), nonché il potenziamento delle iniziative a favore dell’export e dell’internazionalizzazione.

I commenti

Soddisfazione è stata espressa da entrambe le parti firmatarie del Protocollo. Secondo Fabrizio Palermo, Amministratore Delegato di CDP, “l’intesa sottoscritta con il Gruppo Iccrea conferma la strategia di CDP per sostenere l’accesso al credito delle imprese italiane, attraverso la collaborazione con le principali istituzioni finanziarie nazionali e l’attrazione di ulteriori capitali privati. In particolare - sottolinea Palermo -  l’operazione appena perfezionata a sostegno delle aziende del comparto agricolo e agroindustriale, consentirà di fare affluire importanti risorse a medio-lungo termine in uno dei settori chiave dell’economia italiana per favorire, in linea con la nostra mission, un processo virtuoso di sviluppo e crescita e supportare il superamento della fase di emergenza” .

Il Protocollo, inoltre, avvicina gli strumenti di CDP ai territori, come sottolinea Mauro Pastore, Direttore Generale di Iccrea Banca, secondo cui, infatti, “l’accordo consente alle 136 BCC del Gruppo di disporre di nuove risorse per andare incontro alle esigenze del territorio, supportando le aziende a superare la crisi e a mantenere la propria competitività. Le BCC del Gruppo Iccrea sono da sempre vicine alle dinamiche delle imprese nel comparto agroindustriale, per vocazione localistica e cooperativa. Oggi lo potranno essere ancora di più con l’adozione anche di strumenti di finanza alternativa su cui il Gruppo Iccrea ha già importanti esperienze”.

Mauro Alfonso - AD SIMEST, strategie e incentivi per internazionalizzazione ed export

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti