Liguria: Programmi integrati per la ricettivita' turistica diffusa.

 

Dal 30 aprile 2008 potranno essere presentati i Programmi Integrati per la ricettività diffusa previsti dalla legge regionale n. 13 del 21 marzo 2007, con cui si vuole valorizzare i borghi ed i nuclei storici della regione e valorizzare il patrimonio urbanistico e architettonico della Liguria.

In particolare nel bando si prevedono le seguenti finalità:

  • favorire la valorizzazione dei borghi e nuclei storici, del paesaggio, dei parchi e delle aree naturali protette, dello spazio rurale, delle emergenze archeologiche e monumentali nonché la cultura contadina e l'attrattività dei territori stessi;
  • sostenere la realizzazione di iniziative di potenziamento della capacità ricettiva attraverso il recupero del patrimonio edilizio storico;
  • migliorare le caratteristiche funzionali e di immagine del patrimonio urbanistico e architettonico pubblico e privato ai fini di accoglienza turistica e di valorizzazione ambientale.
La realizzazione, attraverso interventi di recupero e di valorizzazione del patrimonio edilizio storico e delle tipologie costruttive tradizionali e tipiche dei paesi dell’entroterra, delle forme di ricettività diffusa, articolate in due possibili tipologie:
  • albergo diffuso: costituito da unità abitative localizzate nello stesso centro storico o nelle sue immediate vicinanze;
  • ospitalità diffusa: costituita da unità abitative localizzate in più borghi, nuclei o edifici singoli nello stesso comune ovvero in più comuni.
I soggetti beneficiari che potranno presentare i programmi integrati sono:
  • Soggetti pubblici e privati proprietari o aventi disponibilità, mediante atto formale, del bene per la durata del vincolo di cui al successivo articolo 10 (del bando ) per gli interventi di recupero e arredo strettamente funzionale all’attività di ricettività diffusa (realizzazione di posti letto, spazi comuni, reception, ecc.);
  • Soggetti pubblici per gli interventi su immobili di loro proprietà o di proprietà pubblica per i quali abbiano ottenuto la disponibilità, mediante atto formale, per la durata del vincolo, nonché per limitati interventi di arredo urbano e per la realizzazione di strutture e infrastrutture pubbliche o di interesse pubblico, strettamente connesse alle attività della ricettività diffusa;
  • Soggetto gestore dell’attività ricettiva, già costituito o da costituirsi, o, in accordo con lo stesso, Enti locali o Sistemi turistici locali, per la redazione del programma di gestione.

Per maggiori informazioni sul bando: link

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti