FASI: Funding Aid Strategies Investments

MIUR – finanziamenti per progetti di ricerca coerenti con il PNR

Ricerca - Photo credit: Foto di Weipeng_Lin da Pixabay Al via il bando MIUR per il finanziamento di progetti di ricerca di particolare rilevanza strategica coerenti con il Programma Nazionale per la Ricerca (PNR) 2015-2020.

> Fondo di Fondi PON Ricerca: il bando MIUR

A disposizione dell'avviso oltre 27,8 milioni di euro, a valere sul Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca (FISR).

Chi può partecipare al bando MIUR per la ricerca

Il bando è rivolto a soggetti con personalità giuridica di diritto pubblico attivi nel settore della ricerca scientifico tecnologica, quali Università ed Enti di ricerca.

Ciascuna proposta può essere presentata anche congiuntamente da più soggetti ammessi, fino ad un massimo di tre.

Quali sono i settori di ricerca ammessi

Le proposte progettuali, di durata massima biennale, devono indicare chiaramente gli ambiti tematici del PNR 2015-2020 cui intendono far riferimento, che corrispondono alle 12 aree della Strategia nazionale di specializzazione intelligente:

  • Aerospazio;
  • Agrifood;
  • Cultural Heritage;
  • Blue growth;
  • Chimica verde;
  • Design, creatività e Made in Italy;
  • Energia;
  • Fabbrica intelligente;
  • Mobilità sostenibile;
  • Salute;
  • Smart, Secure and Inclusive Communities;
  • Tecnologie per gli Ambienti di Vita.

I candidati devono inoltre indicare le competenze umane coinvolte nei progetti, i risultati attesi e le attività di ricerca previste per il loro raggiungimento.

A quanto ammontano i finanziamenti

Ciascun progetto, di importo compreso tra un minimo di un milione di euro e un massimo di 5 milioni di euro, può essere finanziato nella misura dell’80% dei costi ammissibili, che comprendono:

  • le spese di personale,
  • i costi degli strumenti e delle attrezzature nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il progetto di studio e ricerca,
  • i costi delle competenze tecniche, dei brevetti e dei servizi di consulenza,
  • le spese generali supplementari,
  • gli altri costi di esercizio, inclusi costi di materiali, forniture e prodotti analoghi, sostenuti direttamente per effetto dell'attività di studio e ricerca.

Horizon 2020 - ecco i fondi UE per il prossimo anno

Come ottenere i contributi

Le proposte progettuali devono essere presentate esclusivamente tramite i servizi dello sportello telematico SIRIO entro le ore 12.00 dell'11 ottobre 2019.

La valutazione sarà effettuata da uno specifico gruppo di esperti da individuarsi nell'ambito dell'Albo REPRISE (Register of Expert Peer Reviewers for Italian Scientific Evaluation), sulla base della qualità dei proponenti, del valore tecnico-scientifico della proposta e della rilevanza, utilità e originalità delle conoscenze acquisibili.

Per ciascun progetto finanziato è prevista un'anticipazione pari al 90% del contributo concesso. A conclusione di ciascun anno di attività e poi a fine progetto i beneficiari dovranno produrre e trasmettere al MIUR una relazione tecnico-scientifica e amministrativo-contabile, a seguito della quale verrà erogato il saldo del 10 per cento residuo.

Brevetti: MIUR, via al consorzio per ricerca e trasferimento tecnologico

Photo credit: Foto di Weipeng_Lin da Pixabay