La nuova Commissione Europea verso il voto di fiducia

 
Kristalina GeorgievaIl Parlamento Europeo ha tirato un sospiro di sollievo: Kristalina Georgieva presenta un passo completamente diverso rispetto alla precedente commissaria designata dalla Bulgaria. Laddove Rumiana Jeleva pasticciava con il suo inglese esitante e mostrava incompetenza nel portafoglio che le sarebbe stato assegnato, la Georgieva, vicepresidente della Banca Mondiale dal marzo 2008, ha dimostrato una solida performance. Il divario è servito abbastanza per provocare degli applausi spontanei anche quando le risposte della new entry non erano poi così pregnanti. 
S'inserisce l’ultimo pezzo nel mosaico del Barroso bis che il prossimo 9 febbraio, come da copione, riceverà l’investitura ufficiale di Strasburgo.
 
La prestigiosa economista di cinquantasei anni originaria di Sofia ha affrontato l’uditorio senza gaffes, sebbene fosse stata colta di sorpresa quando le è stato chiesto per quale motivo una vicepresidente della Banca Mondiale volesse diventare membro dell’Unione Europea. Georgieva ha risposto che era suo dovere rispondere all’appello e ha aggiunto di attendere con trepidazione il nuovo compito assegnatole e di valutare positivamente questo cambiamento. “Sarò la voce dei senza voce”  ha affermato.
 
Il terremoto che si è abbattuto su Haiti ha immediatamente investito la commissaria designata  per la cooperazione internazionale e per gli aiuti umanitari di un’enorme responsabilità. Molti europarlamentari hanno chiesto il suo giudizio in merito ai  soccorsi europei sull’isola – criticati per la mancanza di visibilità – e che cosa lei avrebbe migliorato. Georgieva ha difeso la performance europea, ma ha promesso che “rimpolperà” la preparazione dell’UE, se necessario. “Cosa possiamo fare per rendere l’Europa più veloce, unita e visibile di fronte alla prossima calamità? – si è chiesta Georgieva – Dobbiamo lavorare molto per trovare una risposta a questa domande - ha aggiunto -  Che si tratti di un inondazione in Bangldesh o di un conflitto in Sudan, il risultato non cambia: le persone soffrono”. Secondo Georgieva la priorità è quella di dare un tetto e un’assistenza sanitaria alla popolazione e di rimettere in piedi le funzioni del governo e delle amministrazioni locali.

Dopo aver testato la sua preparazione in merito a questioni scottanti come la situazione nella striscia di Gaza o sullo Yemen, altri europarlamentari hanno voluto rassicurazioni riguardo al rischio di un eventuale sovrapposizione di responsabilità tra la Georgieva e altri commissari, in particolare Catherine Ashton (Relazioni esterne) e Andris Piebalgs (Sviluppo).
 
Prioritario, per la futura commissaria, un utilizzo più efficace delle risorse economiche ed un maggior coordinamento delle azioni a livello europeo. Fondamentale poi la capacità di valutare l’intervento militare al fianco del soccorso civile: “Talvolta equivale ad un vaso di Pandora, ma quando non esistono altre possibilità, come nel caso di Haiti, l’intervento militare può essere estremamente efficace e di grande aiuto”. Fra le proposte avanzate dalla futura commissaria, la creazione di un Corpo Europeo di Volontari per gli interventi umanitari.
(a cura di Alessandra Flora)
Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti