Giubileo - CdM, tempi piu' brevi per gare appalto

 

L'obiettivo è accelerare la realizzazione delle infrastrutture

GiubileoIl Consiglio dei Ministri ha varato, alla luce del piano approvato dal Campidoglio, una delibera che consente una riduzione dei tempi delle procedure a evidenza pubblica relative alle opere, in particolare per la mobilità, necessarie in vista del Giubileo.

Questa mattina la Giunta capitolina, presieduta dal vicesindaco Marco Causi, ha approvato il piano che definisce le linee guida degli interventi per il Giubileo straordinario della Misericordia, che partirà l'8 dicembre prossimo.

Il documento prevede oltre 80 interventi che spaziano dalla riqualificazione del lungotevere e delle principali arterie viarie alla realizzazione di percorsi pedonali e ciclabili, dalla gestione dei rifiuti alle operazioni di pulizia.

Nel piano, immediatamente trasmesso al Consiglio dei Ministri che lo ha approvato in mattinata, anche poteri speciali in materia di mobilità e inquinamento atmosferico e acustico. Inoltre, sono previsti tempi più brevi per le procedure di aggiudicazione delle gare d’appalto per i lavori connessi al Giubileo, che dovrebbero partire a metà settembre.

All'Autorità nazionale anticorruzione guidata da Raffaele Cantone spetta la supervisione degli interventi e al prefetto di Roma Franco Gabrielli il ruolo di raccordo tra Comune e Regione Lazio, analogamente a quanto già previsto per l'Expo di Milano.

Le risorse, ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri Claudio De Vincenti, vengono dal bilancio del Comune di Roma. La prossima settimana, ha anticipato De Vincenti, è in programma una riunione con il Ministero dell'Economia per capire se esistono eventuali spazi, all'interno dei fondi già a disposizione, per garantire il migliore svolgimento dell'evento.

Link
Codice appalti - Pareri e studi di fattibilita', come cambia il project financing

Lazio – Fondi Ue 2014-2020, azioni per agricoltura e territorio

Author: Palazzochigi / photo on flickr

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti