UE: al via gli European Enterprise Promotion Awards 2015

 

Kalypso Nikolaidis - EULa Commissione europea lancia l’edizione 2015 degli European Enterprise Promotion Awards (EEPA), il premio Ue per la promozione d'impresa.

Dal 2006 gli EEPA premiano gli enti pubblici e le partnership pubblico-privato che, attraverso politiche specifiche a livello nazionale, regionale o locale, hanno contribuito alla promozione dell'imprenditoria in Europa.

Il concorso è rivolto a organizzazioni nazionali, città, regioni, comunità, partenariati tra autorità pubbliche, imprese, enti di formazione e organizzazioni imprenditoriali, aventi sede nell’Ue, in Islanda, Norvegia, Serbia e Turchia.

Il premio si articola in cinque categorie:

  1. Promozione dello spirito imprenditoriale: iniziative volte a favorire una mentalità imprenditoriale, particolarmente tra i giovani e le donne;
  2. Investimento nelle competenze: iniziative per il miglioramento delle competenze imprenditoriali, tecniche e manageriali;
  3. Sviluppo dell’ambiente imprenditoriale: politiche innovative per promuovere la nascita e lo sviluppo delle imprese, semplificare le procedure legislative e amministrative per le aziende e attuare il principio “pensare anzitutto in piccolo”, a favore delle PMI;
  4. Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese: politiche atte a stimolare le aziende a sfruttare maggiormente le opportunità offerte dai mercati interni ed esterni all’Ue;
  5. Imprenditorialità responsabile e partecipata: azioni che promuovono la responsabilità sociale aziendale e le pratiche commerciali sostenibili in campo sociale e ambientale.

I vincitori saranno individuati in due fasi:

  • competizione a livello nazionale: ogni Stato membro sceglierà due finalisti:
  • competizione europea: una giuria europea selezionerà tra i finalisti nazionali i vincitori per ogni categoria.

I vincitori saranno annunciati il 19 novembre 2015 a Lussemburgo, durante l’Assemblea delle PMI, tra i principali eventi della SME Week.

Links
EEPA 2015

Photo credit: openDemocracy / Foter / CC BY-SA

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti