Abruzzo: fondi Par Fas per la gestione intelligente dei rifiuti

 

Rifiuti - foto di epSos.de Circa 35 milioni di euro per attuare l'Obiettivo Rifiuti del Par Fas 2007-2013: è quanto messo in campo dalla Regione Abruzzo in vista di una gestione più sostenibile degli scarti urbani. Si va dalle azioni per la raccolta differenziata e il riciclo, alle campagne di comunicazione per la prevenzione e la riduzione degli sprechi, fino agli investimenti per il miglioramento del sistema impiantistico di smaltimento e compostaggio.

Delle risorse impegnate, circa 12,7 milioni di euro rientrano nello stanziamento di due delibere recentemente approvate dalla Giunta.

La prima, da 12,37 milioni di euro, riguarda il Programma straordinario per lo sviluppo delle raccolte differenziate e del riciclo per Comuni. L'intervento, nello specifico, è volto a finanziare gli investimenti degli enti locali per la riorganizzazione del sistema di raccolta differenziata secondo i modelli domiciliari "porta a porta" e/o di "prossimità", che garantiscono l’intercettazione di maggiori quantitativi di rifiuti riciclabili e una migliore qualità merceologica di questi ultimi.
Il Programma intende, inoltre, attivare una corretta filiera per la gestione dei rifiuti urbani attraverso buone pratiche ambientali, azioni per ridurre la produzione e la pericolosità dei rifiuti, per incentivare il riuso di beni e prodotti, per campagne di informazione e sensibilizzazione sul tema.

La seconda delibera riguarda, invece, l'attivazione di un bando da 660mila euro rivolto a Comuni, Comuni associati, organizzazioni di volontariato, associazioni ambientaliste, di promozione sociale e di consumatori, cooperative sociali e centri di educazione ambientali riconosciuti. Obiettivo dell'intervento, anche in questo caso, è promuovere la prevenzione e la riduzione dei rifiuti. Dello stanziamento, 610mila euro sono destinati al cofinanziamento regionale - pari al 70% - del costo complessivo del progetto; i restanti 50mila euro serviranno per una campagna regionale di comunicazione e sensibilizzazione della cittadinanza.

Parallelamente a questi interventi, ulteriori 22 milioni di euro sono destinati al sostegno al sistema impiantistico. In particolare, saranno promosse opere di:

  • potenziamento della raccolta differenziata attraverso stazioni ecologiche e centri di raccolta;
  • incentivazione del sistema di compostaggio;
  • sviluppo degli impianti di trattamento generici.
Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti