UE: due bandi per la cooperazione tra imprese e centri di formazione

 

Flag - European commission creditLa Dg istruzione e formazione della Commissione europea ha lanciato due inviti a presentare proposte per favorire la creazione di partenariati tra università e mondo del lavoro. Le risorse stanziate, 3 milioni di euro, serviranno a finanziare due progetti pilota di cooperazione tra imprese europee, centri di ricerca, istituti di formazione ed enti pubblici.

Il primo invito, dotato di un budget di un milione di euro, prevede la realizzazione di un progetto pilota per lo sviluppo di partenariati della conoscenza. L'obiettivo finale è favorire una più stretta collaborazione tra il mondo dell'impresa e quello universitario per compensare le carenze dei sistemi educativi europei.

Al bando possono partecipare:

  • istituti d'istruzione superiore,
  • istituti di formazione e di ricerca, pubblici e privati,
  • PMI,
  • associazioni,
  • organismi regionali e nazionali.

Le domande devono essere presentate entro il 28 giugno 2012.

Il secondo invito, invece, è dotato di uno stanziamento complessivo di 2 milioni di euro, destinati alla sperimentazione di un nuovo tipo di partenariato transnazionale, le "Alleanze delle abilità settoriali", proposto nell'ambito del nuovo Programma "Erasmus per tutti 2014-2020".

Le "Alleanze" promuoveranno la cooperazione fra tre categorie di soggetti:

  1. organismi impegnati in attività di istruzione e formazione,
  2. organismi del mercato del lavoro,
  3. responsabili delle politiche di istruzione e formazione professionale.

nei seguenti settori:

  • industria automobilistica,
  • sanità e assistenza sociale,
  • turismo e ristorazione,
  • tecnologie per il risparmio energetico, compresa la costruzione sostenibile,
  • industria aeronautica.

Il bando è rivolto a:

  • istituti di formazione professionale, istituti di istruzione, incluse le università, servizi di orientamento e di counseling, enti di qualificazione, accreditamento o certificatori;
  • enti o centri di ricerca, organismi per le competenze, agenzie e osservatori economici, sociali o del lavoro;
  • imprese, PMI e industrie manifatturiere;
  • organizzazioni del commercio, incluse le Camere di commercio;
  • parti sociali;
  • organizzazioni e enti, pubblici o privati, nazionali, regionali e locali;
  • organismi culturali e creativi.

Le domande devono essere presentate entro le ore 16.00 del 16 agosto 2012.

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti