Ddl Stabilità: ok alla proroga dell'ecobonus energia nel testo approvato dalla Camera

 

Pannelli solari, foto di PöllöLa Camera dei deputati, nella mattinata odierna, con 303 voti favorevoli, 250 voti contrari e due astenuti, ha approvato il disegno di legge concernente le Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2011). L'esame della manovra passa ora al Senato per l'approvazione definitiva. Fra le novità più importanti inserite durante l’esame in aula c'è la proroga fino al 31 dicembre 2011 dell'ecobonus energia del 55% per le ristrutturazioni edilizie.

Su beni ammessi e limiti di spesa le regole restano quelle attualmente in vigore, cambia soltanto il periodo di utilizzo del beneficio del bonus: le detrazioni vengono ripartite infatti in 10 quote annuali di pari importo, anzichè in 5 come avveniva lo scorso anno.

L’effetto della misura comporta un costo in termini di minori imposte per 32,4 milioni nel 2012 e 292,8 milioni nel 2013, ma anche un saldo positivo per il primo anno di circa 124 milioni di euro, per effetto del recupero dell’Iva legato all’utilizzo del bonus. Si tratta dalla cosiddetta "spesa indotta" dei beni agevolati:
  • pareti,
  • finestre,
  • infissi,
  • pannelli solari per acqua calda,
  • caldaie a condensazione.

Dopo l'approvazione del maxiemendamento in commissione Bilancio e le modifiche in aula, il provvedimento contiene nuovi interventi di spesa per oltre 5,8 miliardi di euro sul 2011.

Camera dei deputati

Emendamento 1.500 del Governo - Sintesi del contenuto ed analisi degli effetti finanziari

Maxiemendamento al ddl stabilità

Disegno di legge di stabilità

Disegno di legge di bilancio

Per leggere il contenuto prego
o