Nuovi finanziamenti SIMEST alle fiere per il sostegno alla patrimonializzazione

 

Finanziamenti SIMEST patrimonializzazione fiereDal 9 dicembre gli enti fiera e le imprese che organizzano eventi fieristici possono accedere ai nuovi finanziamenti agevolati di SIMEST, che eroga fino a 10 milioni di euro per aumentare la loro solidità patrimoniale. 

Dl Ristori quater: nuove risorse al Fondo SIMEST e al Fondo per fiere cancellate

Si amplia il set di strumenti SIMEST a sostegno del sistema italiano delle fiere, stremato da ormai quasi dieci mesi di pandemia che hanno praticamente cancellato un’intera stagione fieristica.

Dal 9 dicembre, infatti, sia gli enti fiera sia le società che organizzano eventi fieristici internazionali potranno accedere alla nuova linea di finanziamenti agevolati SIMEST, disegnata appositamente per sostenerne la patrimonializzazione.

Si tratta di uno strumento che mira a proteggere un asset strategico del nostro sistema produttivo da eventuali attacchi predatori da parte di competitor stranieri, interessati a mettere le mani sul sistema fieristico italiano, proprietario di numerosi eventi fieristici leader nel mondo.

Finanziamenti SIMEST per le fiere

La nuova linea di finanziamenti del Fondo 394-81 diretta alle fiere è un nuovo strumento a sostegno dell’internazionalizzazione del sistema fieristico italiano ed è stata approvata dal Comitato Agevolazioni con la delibera del 26 novembre.

Nello specifico, l’intervento mira a mantenere e a migliorare la solidità patrimoniale degli enti fieristici italiani e delle imprese che organizzano eventi fieristici di rilievo internazionale, per accrescere il loro profilo di internazionalizzazione e la loro competitività sui mercati esteri.

Per potervi accedere, le imprese devono rispettare tre requisiti: 

  • Essere costituiti in forma di società di capitali
  • Aver depositato presso il Registro delle imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi; 
  • Avere organizzato od ospitato nei 4 anni precedenti almeno un evento o una fiera di respiro internazionale, presente nel calendario AEFI delle manifestazioni internazionali (o in alternativa, per i soli enti fiera, assumere l’impegno ad organizzare/ospitare un evento/fiera di respiro internazionale entro la fine del periodo di preammortamento).

Quanto agli importi, il finanziamento non potrà superare:

  • 10 milioni di euro per le imprese con scoring A1 o A2;
  • 7 milioni per le imprese con scoring A3 o A4. 

In ogni caso, l’esposizione massima dell’impresa al momento della delibera non potrà essere superiore al 50% dei ricavi medi degli ultimi due bilanci dell’impresa.

Le domande possono essere inviate dal 9 dicembre 2020. In un primo momento, fa sapere SIMEST sul proprio sito, l’invio andrà fatto tramite PEC. 

Nuova sezione del Fondo SIMEST solo per le fiere

Finanziamenti anche alle fiere internazionali che si tengono in Italia

La nuova linea di finanziamenti SIMEST per il rafforzamento della patrimonializzazione del sistema fieristico italiano, si somma ad un’altra misura avviata quest’anno sempre a supporto delle fiere del nostro Paese.

Si tratta della linea di finanziamento “Fiere e Mostre” presente da tempo nel portafoglio SIMEST e che dal 2020 non solo è stata allargata anche alle aziende di qualsiasi dimensione, ma può essere usata anche a copertura delle spese per partecipazione a manifestazioni internazionali che si tengono in Italia.

In questo modo le imprese italiane possono usare i finanziamenti SIMEST anche per partecipare a fiere di carattere internazionale organizzate in Italia. Un supporto indiretto al sistema fieristico italiano che, in tal modo, amplia la presenza di espositori. 

Manovra 2021, Di Maio: risorse a SIMEST e rifinanziamento del Piano Made in Italy

Per leggere il contenuto prego
o