Marchi+2 e Disegni+3 - contributi per valorizzare proprieta' industriale

 

Il sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari annuncia lo stanziamento di 7,5 milioni di euro per due nuovi bandi

Euro

Dopo il successo delle misure Marchi+ e Disegni+2, con rispettivamente oltre 4,7 milioni e circa 5 milioni di euro di agevolazioni concesse, il MISE lancia due nuovi interventi per la valorizzazione dei titoli di proprietà industriale.

Grazie a una convenzione tra la Direzione Generale per la lotta alla contraffazione-Ufficio italiano Brevetti e Marchi del Ministero e Unioncamere sono stati stanziati altri 2,8 milioni per il nuovo avviso Marchi+2 e ulteriori 4,7 milioni di euro per il bando Disegni+3.

I due bandi, pubblicati nella Gazzetta ufficiale il 3 dicembre, seguono di pochi giorni un'altra iniziativa annunciata dal sottosegretario Vicari, relativa alla messa a disposizione sul web della documentazione brevettuale nazionale. Grazie a questo nuovo database, ha spiegato Vicari, verrà pubblicata una prima collezione documentale di ben 22mila brevetti concessi dal 1° luglio 2008, fornendo informazioni essenziali alle imprese interessate a seguire lo stesso percorso.

Marchi+2

Il nuovo bando Marchi+2 mira a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle piccole e medie imprese attraverso la concessione di contributi per favorire la registrazione:

  • di marchi comunitari presso l'Ufficio per l’Armonizzazione nel Mercato Interno (UAMI - Misura A);
  • di marchi internazionali presso l'Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI – Misura B).

L’agevolazione è concessa fino all’80% delle spese ammissibili sostenute, ma sale al 90% nel caso in cui la registrazione interessi Usa e/o Cina.

Ciascuna impresa può richiedere contributi sia per la Misura A che per la Misura B, fino al raggiungimento dell'importo massimo di 20mila euro.

Le domande possono essere presentate a decorrere dal 60° giorno successivo alla pubblicazione dell’avviso in Gazzetta ufficiale, quindi dal 1° febbraio 2016, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Disegni+3

L'obiettivo di Disegni+3 è invece promuovere lo sfruttamento economico di prodotti correlati a disegni e modelli industriali sui mercati nazionale e internazionale.

In particolare, sono previste agevolazioni nella forma del contributo in conto capitale per contribuire all'acquisto di servizi specialistici esterni finalizzati a:

  • la messa in produzione di nuovi prodotti correlati ad un disegno/modello registrato (Fase 1 - Produzione);
  • la commercializzazione di un disegno/modello registrato (Fase 2 - Commercializzazione).

Gli incentivi possono coprire fino all’80% delle spese ammissibili, con un importo massimo di 65mila euro per la Fase 1 e di 15mila euro per la Fase 2.

In questo caso le domande possono essere presentate a partire dal 90° giorno successivo alla pubblicazione dell'avviso in Guri, quindi dal 2 marzo 2016, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Link
Patent Box - Zanetti, incentivi cumulabili con credito imposta ricerca

Author: EnvironmentBlog / photo on flickr

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti