Fondi Ue 2014-2020 - CIPE, i criteri del cofinanziamento nazionale

 

Author: Hernan Piñera / photo on flickr Via libera ai criteri di cofinanziamento dei programmi europei per il periodo 2014-2020: in base alla delibera n. 10-2015 del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE), circa 24 miliardi di euro saranno assicurati dal Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie e oltre 4 miliardi verranno dalle Regioni.

Secondo quanto previsto dall'Accordo di partenariato, i fondi Ue a disposizione dell'Italia per il periodo di programmazione 2014-2020 ammontano a 42.085.700.000 euro, cui vanno aggiunte le risorse nazionali, pari a circa 24 miliardi di euro, assicurate dal Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie.

In particolare, le risorse statali per i Programmi operativi nazionali e regionali ammontano a poco più di 16 miliardi di euro, cui vanno ad aggiungersi 7 miliardi e 425 milioni di euro dei PO complementari, per un cofinanziamento totale di 23.430.280.000 euro. A tali risorse vanno inoltre aggiunti 4 miliardi e 339 milioni di euro di risorse regionali.

Per i Programmi FESR, FSE e FEASR è prevista una suddivisione delle risorse in base alle aree territoriali, cioè:

  • Regioni meno sviluppate (Campania, Calabria, Basilicata, Puglia e Sicilia),
  • Regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna),
  • Regioni più sviluppate (Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Toscana, Lazio e Province autonome di Trento e Bolzano).

FESR e FSE

Per i PON cofinanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale e dal Fondo sociale europeo, il cofinanziamento nazionale è stabilito nella misura massima del 45% della spesa pubblica totale (quota Ue più cofinanziamento nazionale) per le Regioni meno sviluppate e del 50% per le Regioni in transizione e per le Regioni più sviluppate.

Per i POR cofinanziati dal FESR e dal FSE, il cofinanziamento nazionale è stabilito nella misura massima del 50% della spesa pubblica totale per tutte e tre le aree territoriali.

La relativa copertura finanziaria è posta a carico del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie in misura pari al 70% della quota nazionale pubblica, mentre il restante 30% è a carico dei bilanci delle Regioni e/o degli altri Enti pubblici partecipanti ai programmi.

Per far fronte ad alcune specificità regionali, il Fondo di rotazione assicura inoltre la copertura delle risorse necessarie per il riequilibrio finanziario nella Regione Campania, nei limiti di 320 milioni di euro. Tali risorse potranno essere utilizzate, per i programmi operativi della Campania, in aggiunta alla quota di cofinanziamento nazionale, per ridurre l'apporto del bilancio regionale alla quota di cofinanziamento nazionale.

FEASR

Per i Programmi operativi nazionali finanziati dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale, il cofinanziamento nazionale è pari al 55% della spesa pubblica totale. La relativa copertura finanziaria è posta a totale carico del Fondo di rotazione. L'eventuale quota pubblica nazionale eccedente è posta a carico del bilancio dell'Amministrazione titolare del programma.

Per i Programmi di sviluppo rurale regionali (PSR) finanziati dal FEASR, il cofinanziamento nazionale è pari al 39,50% della spesa pubblica totale per le Regioni meno sviluppate, al 52% per le Regioni in transizione e al 56,88% per le Regioni più sviluppate.

La relativa copertura finanziaria è posta a carico del Fondo di rotazione per l'attuazione delle politiche comunitarie in misura pari al 70% della quota nazionale pubblica in tutte e tre le aree territoriali, mentre il restante 30% è a carico dei bilanci delle Regioni.

FEAMP

Per il Programma operativo nazionale finanziato dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca, il cofinanziamento nazionale è pari al:

  • 50% della spesa pubblica totale per le misure relative allo sviluppo sostenibile della pesca nonché per le misure relative alla commercializzazione, alla trasformazione e all'assistenza tecnica,
  • 10% della spesa pubblica totale per le misure di controllo ed esecuzione, ad eccezione delle misure volte all'ammodernamento e acquisto di navi, aeromobili ed elicotteri di sorveglianza, per cui il cofinanziamento nazionale pubblico è pari al 30%,
  • 20% della spesa pubblica totale per le misure relative alla raccolta di dati.

Per le misure relative all'aiuto di magazzinaggio non è previsto cofinanziamento nazionale.

FEAD

Per il Programma operativo nazionale finanziato dal Fondo di aiuti europei in favore degli indigenti, il cofinanziamento nazionale è stabilito nella misura massima del 15% della spesa pubblica totale. La relativa copertura finanziaria è a totale carico del Fondo di rotazione.

Iniziativa per l'occupazione Giovanile - Fondi YEI ed FSE

Per il Programma operativo Iniziativa per l'Occupazione Giovani (YEI), la spesa pubblica totale è finanziata nella misura del 37,5% dal Fondo YEI e nella stessa percentuale dal FSE. Le restanti risorse sono assicurate dal Fondo di rotazione.

Programmi della cooperazione territoriale europea

Per tali programmi, compresi quelli finanziati con lo strumento europeo di vicinato (ENI) e di assistenza alla preadesione (IPA II), il cofinanziamento nazionale è indicativamente pari al 15% della spesa pubblica totale. La relativa copertura finanziaria è a totale carico del Fondo di rotazione, eccetto la quota garantita dai privati nei programmi in cui viene prevista.

Link

Criteri di cofinanziamento dei programmi europei per il periodo 2014-2020 - Gazzetta ufficiale

Photo credit: Hernan Piñera / Foter / CC BY-SA

Per leggere il contenuto prego
o