Assicurazioni agricole – impegnati meta' dei fondi PSR

 

Agricoltura - Photo credit: Peggy Choucair da Pixabay Nell'ambito dei lavori sull'andamento dei fondi UE 2014-2020, il Comitato di sorveglianza ha fatto il punto sui risultati della Sottomisura 17.1 del Programma di sviluppo rurale nazionale. Impegnati 745 milioni su 1,3 miliardi, di cui oltre 690 milioni già erogati ai beneficiari.

> Le novita' del Piano di gestione dei rischi in agricoltura 2019

Il focus sulle assicurazioni agricole agevolate nel PSRN 2014-2020 è stato presentato in occasione della quarta riunione del Comitato di sorveglianza, che ha visto Autorità di gestione, organismi intermedi e rappresentanti della Commissione UE discutere l'avanzamento della spesa dei fondi strutturali e di investimento europei.

Il Programma Nazionale di Sviluppo Rurale

La Sottomisura 17.1 rappresenta la voce più consistente del Programma di sviluppo rurale nazionale Gestione del rischio, infrastrutture irrigue e biodiversità animale 2014-2020.

Con una dotazione complessiva di 1,2 miliardi di euro, il PSRN prevede infatti:

per la Gestione delle risorse idriche:

  • Sottomisura 4.3: Investimenti in infrastrutture irrigue (291 milioni di euro, di cui 130 milioni e 950mila euro a valere sul FEASR e 160 milioni e 50mila euro di cofinanziamento nazionale)

in ambito Biodiversità:

  • Sottomisura 10.2 – caratterizzazione delle risorse genetiche animali di interesse zootecnico e salvaguardia della biodiversità (100,8 milioni di euro, di cui 45 milioni e 360mila euro dal FEASR e 55 milioni e 440mila euro di risorse nazionali)
  • Sottomisura 16.2 - cooperazione per la creazione di un sistema di gestione unitario delle informazioni per la biodiversità zootecnica (93,2 milioni, di cui 41 milioni e 940mila euro dal FEASR e 51 milioni e 260mila euro di risorse nazionali)

per la Gestione del rischio:

  • Sottomisura 17.1 - premio assicurativo per il raccolto, gli animali e le piante (1 miliardo e 396.800.000 euro, di cui 628 milioni e 560mila euro a valere sul FEASR e 768 milioni e 240mila euro di risorse nazionali)
  • Sottomisura 17.2 - fondi di mutualizzazione per le avversità atmosferiche, per le epizoozie e le fitopatie, per le infestazioni parassitarie e per le emergenze ambientali (97 milioni, di cui 43 milioni e 650mila euro dal FEASR e 53 milioni e 350mila euro di risorse nazionali)
  • Sottomisura 17.3 - strumento di stabilizzazione del reddito (97 milioni, di cui 43 milioni e 650mila euro a valere sul FEASR e 53 milioni e 350mila euro di risorse nazionali)

per l'Assistenza tecnica: 64,2 milioni, di cui 28 milioni e 890mila euro a carico del FEASR e 35 milioni e 310mila euro di risorse nazionali.

L'andamento della Sottomisura 17.1

In attuazione della Sottomisura 17.1 il PSRN prevede la concessione di contributi alle imprese per il pagamento dei premi di assicurazione del raccolto, degli animali e delle piante a fronte del rischio di perdite economiche per gli agricoltori.

Le polizze coprono le perdite da:

  • avversità atmosferiche;
  • epizoozie, fitopatie o infestazioni parassitarie;
  • misure adottate ai sensi della direttiva 2000/29/CE per eradicare o circoscrivere una fitopatia o un'infestazione parassitaria.

La soglia minima di danno per l’accesso al risarcimento è fissata al 20% della produzione media annua dell'agricoltore, mentre l'aliquota massima del sostegno è pari al 70% del premio assicurativo.

In base ai dati del Comitato di sorveglianza, tra la campagna assicurativa 2015 e quella del 2018 sono state ammesse a finanziamento 477.500 domande, sulle oltre 520mila presentate, per un totale di 745,9 milioni di euro.

Le imprese che hanno già ottenuto il pagamento dei contributi sono in tutto 466.245, per un importo liquidato di 690,3 milioni di euro e una velocità di spesa, in termini di rapporto tra impegni e pagamenti, che si attesta in media al 93%.

Sottomisura 17.1 - Credit: Comitato Sorveglianza

 

Gestione rischio - Ismea, mercato assicurazioni agricole in crescita

I punti di forza e debolezza

Oltre a valutare l'andamento della spesa il Comitato ha passato in rassegna anche i benefici connessi alla Sottomisura 17.1 e le criticità da affrontare per migliorarne l'efficacia.

In generale i contributi per il pagamento dei premi delle polizze migliorano la capacità delle imprese assicurate di far fronte agli impegni finanziari derivanti dagli investimenti, con effetti positivi in termini di rating e competitività.

Rispetto agli strumenti di intervento diretto (compensativi ex-post), la Sottomisura rivela un migliore effetto leva: con una spesa assicurativa di circa 250 milioni di euro si coprono circa 5,6 miliardi di euro di valore (dati 2018) di produzioni agricole.

Tra l'altro i dati sulle campagne 2015-2018 mostrano che il ristoro dei danni avviene in tempi ragionevoli e compatabili con le esigenze finanziarie delle imprese e che i risarcimenti sono adeguati alle perdite subite.

Non mancano, però, le note dolenti, a partire dall'eccesso di burocrazia. La complessità delle regole del secondo pilastro della PAC, tra cui il doppio passaggio domanda di sostegno/domanda di pagamento, scoraggia e rallenta la partecipazione degli agricoltori, che lamentano anche difficoltà nello stabilire i valori assicurabili ammissibili all’aiuto.

Complica il quadro la numerosità dei soggetti coinvolti nella gestione dei dati necessari per la Sottomisura - dagli Organismi pagatori ai Centri di assistenza agricola, passando per gli Organismi collettivi di difesa – che tra l'altro faticano a rendere fluido l'interscambio delle informazioni.

A monte restano un limite la scarsa conoscenza dello strumento tra gli agricoltori e la scarsa propensione a partecipare al sistema delle assicurazioni agevolate da parte delle imprese, soprattutto in alcuni settori e nel Mezzogiorno.

L'obiettivo dell'allargamento della base assicurata, che consentirebbe una migliore efficacia e stabilità del sistema, resta quindi una sfida aperta su cui lavorare in vista della Politica Agricola Comune post 2020.

Agricoltura - le proposte degli stakeholder per la PAC post 2020

Photo credit: Peggy Choucair da Pixabay 

Per leggere il contenuto prego
o