Legge Bilancio - appalti, arrivano le norme sblocca ricorsi

 

appaltiIl Governo punta a velocizzare i tempi in caso di ricorso su una gara d’appalto.

> Via libera del CdM alla Legge di Bilancio 2018

> Codice appalti - nuove regole al via per l'in house

Anche il tema della giustizia nei nostri bandi di gara è destinato a entrare nella manovra. L’esecutivo ha, infatti, preparato un pacchetto di norme con l’obiettivo di disincentivare le liti temerarie che così di frequente rallentano l’aggiudicazione definitiva dei contratti alle imprese.

Ma non solo. L’altra misura allo studio prevede la possibilità di tagliare i tempi entro i quali i giudici dovranno definire le controversie tramite sentenza, attivando una nuova forma di decisione semplificata che impedisca le sospensive.

Appalti - correttivo in Gazzetta, come cambiano i bandi

Il problema dei tempi

La questione è nota: troppo spesso le gare vengono frenate, in fase di aggiudicazione, dai ricorsi delle imprese che sono arrivate indietro in graduatoria. Questo allungamento dei tempi costringe a perdere mesi spesso preziosi che si riflettono sui cantieri, nel caso dei lavori.

Non è la prima volta che l'esecutivo punta a sbloccare questa fase delle gare. Anche se in passato non è mai riuscito a incidere realmente sui problemi esistenti.

Le sanzioni per le liti temerarie

Per questo motivo arriveranno una serie di misure pensate proprio per colpire le imprese che fanno troppo facilmente ricorso, minando la sicurezza del sistema.

Le liti  temerarie potranno, allora, portare a una sanzione massima che arriverà fino al 5% del valore dell’appalto, con una crescita di quattro punti rispetto all’attuale un per cento.

Il Codice appalti e il rating di impresa

Un intervento che arriva anche perché le norme sul rating di impresa, immaginate nei mesi scorsi nell’ambito del Codice appalti, sono rimaste bloccate.

Difficile valutare gli elementi del curriculum dell’azienda in fase di gara. Soprattutto se questi elementi riguardano pratiche formalmente legittime, come per l’appunto le impugnative. Per questo motivo è stata scelta una strada differente.

Gli altri interventi

Questo aumento delle sanzioni fino a un massimo di cinque punti non risolve, però, il problema. Spesso, infatti, dimostrare che la lite è temeraria è molto complesso, soprattutto per le procedure ad alto grado di difficoltà.

Quindi, il Governo ha deciso di ragionare in maniera più complessiva sulla questione dei tempi consentiti alle imprese per impugnare i bandi.

> Codice appalti - come funziona il nuovo dibattito pubblico

Sentenze in 30 giorni

Quando una controversia arriva al giudice amministrativo, allora, questo dovrà decidere chi ha ragione in tempi strettissimi, tramite una sentenza semplificata che andrà presentata al massimo nel giro di 30 giorni.

In questo modo, già nel giro di un mese sarà possibile passare dall’aggiudicazione provvisoria alla firma effettiva del contratto, senza bloccare il sistema a tempo indeterminato.

La responsabilità dei dirigenti

E non è tutto. Già oggi, infatti, è teoricamente possibile procedere alla firma dei contratti in attesa dei Tar. Il problema è che questo comporta una responsabilità amministrativa e contabile a carico del dirigente che assume questa decisione. Molti, quindi, preferiscono aspettare e non impegnarsi in prima persona.

L’idea, per rendere più semplice questa pratica e completare il pacchetto, è che le ipotesi di responsabilità  amministrativa dovrebbero diventare molto ridotte. Restando confinate ai casi di dolo o di colpa  grave.  

Per leggere il contenuto prego
o