Fondi Ue - Europa Creativa, primi risultati sottoprogramma MEDIA

 

Seconda per numero di domande presentate nell'ambito del sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa, l’Italia ha un tasso di successo inferiore al 50% ed è quarta quanto a progetti finanziati

media

Europa Creativa – garanzia Ue per finanziamenti a PMI culturali

> Europa Creativa - MEDIA, bando per coproduzione internazionale

La Dg Politiche interne della Commissione Ue ha condotto un’indagine sui primi risultati del sottoprogramma MEDIA di Europa Creativa, lo strumento dell’Ue per la promozione del settore culturale e creativo.

Europa Creativa, sottoprogramma MEDIA

Lanciato nel 2014, il programma Europa Creativa accorpa i precedenti programmi europei Cultura, MEDIA 2007 e MEDIA Mundus in un unico strumento di promozione del settore culturale e creativo.

Il programma, con un budget di oltre 1,4 miliardi di euro per il periodo 2014-2020, è articolato in tre parti:

  1. sottoprogramma MEDIA per il settore audiovisivo (56% del budget);
  2. sottoprogramma Cultura (31% del budget);
  3. sezione transettoriale (13% del budget).

In linea con il programma MEDIA 2007, il sottoprogramma MEDIA continua a sostenere gli attori chiave del settore audiovisivo, concentrandosi su una serie di priorità:

  • agevolare l'acquisizione e il miglioramento delle capacità e delle competenze dei professionisti del settore audiovisivo e lo sviluppo di reti, compresi l'uso delle tecnologie digitali in modo da garantire l'adeguamento all'evoluzione del mercato e la sperimentazione di nuovi approcci in relazione allo sviluppo del pubblico e di nuovi modelli di business;
  • aumentare la capacità degli operatori del settore audiovisivo di sviluppare opere audiovisive europee che abbiano le potenzialità per circolare nell'Unione e nel mondo e di agevolare le coproduzioni europee e internazionali, anche con emittenti televisive;
  • incoraggiare gli scambi tra imprese facilitando l'accesso degli operatori del settore audiovisivo ai mercati e agli strumenti d'impresa, in modo da dare maggiore visibilità ai loro progetti sui mercati dell'Unione e internazionali.

Rispetto alla precedente programmazione, però, MEDIA ha introdotto alcune novità per quanto riguarda le linee di intervento 'Sviluppo dell’audience' e 'Supporto alla coproduzione internazionale'.

Primi risultati

Nell’indagine la Dg Politiche interne analizza i progetti presentati tra il 1° gennaio 2014 e il 1° maggio 2016. In questo periodo l’EACEA ha ricevuto 1.806 proposte, ma solo 809 sono state selezionate per accedere ai finanziamenti del sottoprogramma MEDIA.

Il maggior numero di proposte è stato presentato da Francia (777), Italia (500), Germania (454), Regno Unito (423) e Spagna (374). La situazione cambia quando si va ad osservare il numero di progetti selezionati dall’EACEA: la Francia resta al primo posto (287), seguita da Germania (200) e Belgio (137); l'Italia è quarta a pari merito con i Paesi Bassi (131), seguita dal Regno Unito a pari merito con la Danimarca (121) e poi dalla Spagna (111).

A livello geografico la distribuzione dei progetti finanziati è cambiata rispetto al programma MEDIA 2007, dove Francia, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna sono rimasti per lungo tempo i Paesi con il maggior quantitativo di progetti selezionati. Sebbene Francia e Germania restino in testa anche nel sottoprogramma MEDIA, Italia, Regno Unito e Spagna, sono stati affiancati da altri Paesi, come Belgio, Danimarca e Paesi Bassi.

Mettendo a confronto il numero di proposte presentate con i progetti selezionati, la Dg Politiche interne analizza anche il tasso di successo di ogni Stato membro, distinguendo tre gruppi: Paesi di successo, Paesi intermedi e Paesi con scarso successo.

Nella prima categoria rientrano i Paesi con un tasso di successo superiore al 60%: Grecia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi e Danimarca. Nel secondo gruppo, invece, si trovano i Paesi con un tasso di successo compreso tra il 50% e il 60%: Austria, Portogallo, Croazia, Repubblica ceca, Belgio, Estonia, Slovenia, Polonia e Slovacchia. L’ultimo gruppo riunisce i Paesi con un tasso di successo inferiore al 50%: Romania, Finlandia, Germania, Bosnia, Bulgaria, Lettonia, Francia, Svezia, Montenegro, Albania, Spagna, Cipro, Regno Unito e Italia.

Nello studio si sottolinea come nella prima categoria rientrino i Paesi dove sono stati adottati strumenti di supporto al settore audiovisivo.

> Europa Creativa - sottoprogramma MEDIA, 5 film a Venezia

Photo credit: FaceMePLS via Foter.com / CC BY 

Per leggere il contenuto prego
o