Riforma PA - riordino Conferenza servizi e standardizzazione SCIA

 

Tra i decreti approvati dal CdM norme semplificate per la Conferenza dei servizi e per la Segnalazione certificata di inizio attività

Digitale

Nel corso di una riunione notturna il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare undici decreti attuativi della riforma della legge delega per la riforma della Pubblica amministrazione, (legge n. 124-2015).

Tra i provvedimenti licenziati, il riordino della disciplina in materia di Conferenza dei servizi e semplificazioni per la Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

Conferenza dei servizi

Il decreto legislativo sul riordino della disciplina in materia di Conferenza dei servizi, in attuazione dell’art. 2 della legge n. 124-2015, prevede l'abbattimento dei tempi per le procedure attraverso l'istituzione di:

  • una Conferenza semplificata, che non prevede riunioni fisiche ma solo l’invio di documenti per via telematica,
  • una Conferenza simultanea con riunione (anche telematica) che si svolge solo in caso di estrema necessità.

In tutti e due i casi si considera acquisito l’assenso delle amministrazioni che non si sono espresse. Con il provvedimento il Governo prevede che si riceva risposta da parte della Conferenza entro un massimo di 5 mesi.

Segnalazione certificata di inizio attività

Il decreto legislativo in attuazione della delega di cui all’art. 5 della legge n. 124-2015 prevede la possibilità di presentare presso un unico ufficio, anche in via telematica, un unico modulo standard e valido in tutta l'Italia relativo alla Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).

Il provvedimento stabilisce che la pubblica amministrazione destinataria della segnalazione pubblichi sul proprio sito istituzionale il modello unificato e standardizzato e indichi l’ufficio unico al quale dovrà rivolgersi l’interessato.

Il decreto prevede, inoltre, che l’eventuale richiesta al cittadino di ulteriori documenti rispetto a quelli previsti sia considerata inadempienza sanzionabile sotto il profilo disciplinare.

Per leggere il contenuto prego
o