Legge Stabilità 2016 - Agricoltura, meno tasse e incentivi per macchinari e assicurazioni

 

Nella manovra rientrano interventi su Irap, Imu e Iva in agricoltura e agevolazioni per il rinnovo delle macchine agricole

Macchinari agricoli

L'azzeramento Irap e l'esenzione Imu sui terreni coltivati non sono le uniche misure destinate dalla legge di Stabilità 2016 alle imprese agricole: la manovra, attualmente all'esame del Senato per il voto definitivo, dopo l'ok della Camera arrivato nel weekend, prevede anche incentivi per il rinnovo dei macchinari e a tutela del reddito degli agricoltori.

Via Irap e Imu, aumenta compensazione Iva

Il ddl introduce l'esenzione dall'IRAP per i soggetti che operano nel settore agricolo, per le cooperative di piccola pesca ed i loro consorzi e per le imprese che forniscono in via principale, anche nell'interesse di terzi, servizi nel settore selvicolturale.

La legge di Stabilità prevede inoltre la cancellazione dell'Imu su:

  • i terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina, come individuati ex lege;
  • i terreni agricoli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola, indipendentemente dalla loro ubicazione;
  • i terreni agricoli ubicati nei comuni delle isole minori indipendentemente dal possesso e dalla conduzione da parte di specifici soggetti
  • i terreni agricoli con specifica destinazione, ossia con immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inusucapibile, dunque indipendentemente in tal caso da ubicazione e possesso.

In linea con quanto previsto dal Piano latte, inoltre, la manovra aumenta dall'8,8% al 10% la compensazione Iva per la cessione di latte fresco. Per ogni litro di latte venduto si attende un risparmio fiscale di circa 0,5 centesimi di euro.

Inoltre, aumenta anche la compensazione Iva sulle carni bovine e suine, che passa, rispettivamente, al 7,7% e all'8%.

Macchine agricole e forestali

Ammontano invece a 45 milioni di euro le risorse stanziate per incentivare il rinnovo delle macchine agricole e forestali, a favore di tecnologie che siano efficienti dal punto di vista delle prestazioni e sostenibili sotto il profilo delle emissioni e dell'inquinamento acustico e soprattutto che assicurino alti standard di sicurezza sul lavoro.

La legge di Stabilità prevede quindi l'istituzione di un Fondo presso l'Inail, diretto a finanziare gli investimenti per l'acquisto o il noleggio con patto di acquisto di macchine o trattori agricoli e forestali innovativi, attraverso la pubblicazione di bandi annuali da parte dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro.

Infine, il ddl ammette anche le imprese dei settori agricolo e ittico al credito d'imposta per l'acquisto di beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive nelle zone assistite ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo).

L'incentivo, tuttavia, verrà concesso entro i limiti previsti dalla normativa europea in materia di aiuti di Stato nei settore della produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, della pesca e dell'acquacoltura.

Tutela del reddito

La legge di Stabilità 2016 stanzia poi 140 milioni di euro per il programma di agevolazioni assicurative in agricoltura contro le calamità naturali. La misura intende garantire la tutela del reddito degli agricoltori danneggiati da fenomeni di eccezionale avversità atmosferica.

Inoltre, viene istituito un Fondo presso AGEA per il settore della produzione bieticolo-saccarifera.

Pesca

Prorogato il Programma nazionale triennale della pesca e dell'acquacoltura 2013-2015, prevedendo per il 2016 un rifinanziamento di 3 milioni di euro.

La legge estende anche alle imprese della pesca e dell'acquacoltura gli interventi di competenza di ISMEA a garanzia dei finanziamenti bancari. L'intervento è finanziato con risorse del Fondo europeo per gli affari marittimi e per la pesca (FEAMP).

Inoltre, viene integrata la dotazione finanziaria del Fondo sociale per l'occupazione e la formazione in modo che una quota non superiore a 18 milioni di euro venga destinata al riconoscimento della cassa integrazione guadagni in deroga nel settore della pesca.

Razionalizzazione Enti

Procede anche il processo di razionalizzazione degli enti collegati al Mipaaf: dopo l'accorpamento di CRA e INEA nel Consiglio per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura (CREA), la legge di Stabilità prevede che l'Istituto Sviluppo Agroalimentare (ISA) e la Società Gestione Fondi per l'Agroalimentare (SGFA) vengano accorpati all'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare (ISMEA).

Author: nikontino / photo on flickr

Per leggere il contenuto prego
o