Smart Grid: reti e contatori intelligenti per un'economia low carbon

 

Smart Meter - Foto di U.S. NavyCon la roadmap pubblicata nel mese di marzo 2011, la Commissione europea ha posto l'obiettivo di decarbonizzare l'economia europea entro il 2050. Un traguardo ambizioso che richiede investimenti per la promozione delle rinnovabili e dell'efficienza energetica, ma anche un sistema innovativo transnazionale di trasmissione dell'energia, che integri le fonti pulite con quelle tradizionali e supporti la riduzione dei consumi.

Alla "Roadmap for moving to a competitive low carbon economy in 2050" ha fatto seguito, il 12 aprile scorso, un'ulteriore comunicazione della Commissione, "Smart Grids: from innovation to deployment".

Il documento sostiene che senza ottimizzare le reti e i sistemi di misurazione attuali, la produzione di energia da fonti rinnovabili arriverà a un punto di stallo, la sicurezza delle reti e degli approvvigionamenti sarà compromessa e non sarà possibile migliorare la regolazione dei consumi per ottenere un maggiore risparmio energetico.

Due sono le grandi questioni da sciogliere perché la realizzazione e la diffusione di queste innovazioni diventi realtà.

Da una parte c'è il nodo risorse. Secondo la tabella di marcia Energia dell'UE per il 2050, gli investimenti sulla rete richiederanno fra il 2011 e il 2050 una cifra compresa tra 1.500 e 2.200 miliardi di euro.
All'interno di queste opere vanno inclusi anche i contatori intelligenti, fondamentali per consentire ai consumatori di ridurre gli sprechi, le emissioni di carbonio e l'importo delle bollette. Strumenti di cui dispone ad oggi solo il 10% delle famiglie dell'UE - nonostante la direttiva Elettricità e il Terzo pacchetto Energia li prevedano entro il 2020 presso l'80% delle case europee.

Parte di queste risorse dovrebbe essere assicurata dai governi nazionali, restii, in tempi di crisi, ad attivare investimenti i cui vantaggi saranno visibili solo nel medio-lungo termine e considerazioni analoghe valgono anche per gli investitori privati.

Nel breve termine, però, la mancanza di fondi potrebbe influenzare negativamente la capacità delle reti, alle prese con lo sviluppo di fonti variabili quali solare e eolico e quindi con il problema dello stoccaggio dell'energia prodotta, e con il venir meno, negli Stati membri che ne hanno decretato l'abbandono, del nucleare.

Da parte sua la Commissione contribuisce alla realizzazione delle smart grid con il pacchetto "Energy Infrastructure", che ha impegnato 9,1 miliardi di euro dal bilancio UE 2014-2020 per l'aggiornamento del sistema europeo delle reti, sotto forma di project bonds, sovvenzioni, prestiti e garanzie sui prestiti.

Inoltre secondo le associazioni industriali, il maggiore contributo, fino all'80% dei costi d'investimento, dovrebbe venire dagli operatori del sistema di distribuzione, cui dovrebbe aggiungersi la partecipazione degli utenti finali tramite l'applicazione di parte dei costi alla bolletta energetica.

Il secondo nodo riguarda l'armonizzazione dei diversi quadri normativi e giuridici che, secondo gli stakeholders, stanno ostacolando lo sviluppo delle reti. La mancanza di certezza sul piano delle regole rappresenta infatti una delle preoccupazioni più comuni tra gli addetti ai lavori, che si chiedono se la Commissione europea sia effettivamente sulla buona strada per soddisfare i suoi obiettivi per il 2020 e poi per il 2050.

Nella comunicazione dell'aprile 2011, Bruxelles ha comunque anticipato l'intenzione di ricorrere a "una rigorosa regolamentazione per l'attuazione delle reti intelligenti" entro il 2012, qualora gli Stati membri non riuscissero a conseguire progressi sufficienti per allora. Analogamente, per quanto riguarda i sistemi di misurazione intelligenti e il problema relativo all'emissione di codici di rete comuni, la Commissione potrebbe intervenire per definire un codice comune di rete già nell'anno in corso.

Links

Una tabella di marcia verso un'economia competitiva a basse emissioni di carbonio nel 2050

Communication "Smart Grids: from innovation to deployment"

Communication "Energy infrastructure priorities for 2020 and beyond - A Blueprint for an integrated European energy network"

Third Energy Package

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o