Telecomunicazioni: adottato il primo programma UE sulle politiche dello spettro radio

 

Computer - Foto di Greg HenshallVia libera dal Consiglio Trasporti, Telecomunicazioni ed Energia al programma pluriennale sull'uso dello spettro radio. Il testo, frutto di una negoziazione a tre fra presidenza polacca, Commissione e Parlamento europeo, è stato adottato in prima lettura lo scorso 13 dicembre. Per gli operatori del settore si tratta di "un passo in avanti molto importante per l'Europa".

Il programma definisce gli orientamenti politici e gli obiettivi per la pianificazione strategica e l'armonizzazione dell'uso dello spettro in tutti i settori interessati – dalle comunicazioni elettroniche allo spazio, dai trasporti all'energia - al fine di garantire il funzionamento del mercato interno.

In particolare il documento promuove una gestione efficiente dello spettro e una sua allocazione adeguata e tempestiva, il superamento del digital divide, la garanzia dell'effettiva concorrenza e la riduzione della frammentazione tra i diversi operatori europei.

Grazie al nuovo programma, che copre il periodo 2013-2015, sarà possibile armonizzare l’assegnazione della banda 800 MHz per i servizi di comunicazione elettronica a partire dal 1° gennaio 2013 in tutta l'Unione e contribuire alla diffusione della banda larga anche nelle aree più periferiche a costi competitivi.

Soddisfazione per gli operatori delle telecomunicazioni, che hanno dato il benvenuto allo strumento auspicando una rapida attuazione.

Per ETNO, l'European Telecommunications Network Operator's Association, e GSMA, l'organizzazione internazionale degli operatori mobili - si legge in un comunicato congiunto -, "l'apertura di spettro aggiuntivo sarà essenziale per rispondere alla rapida crescita del traffico dati e anche per fornire reti a banda larga ad alta velocità a costi inferiori in aree remote e rurali".

Links

Main results of Transport, Telecommunications and Energy Council: Multi-annual radio spectrum policy programme (p. 14)

Radio Spectrum Policy Programme

Per leggere il contenuto prego
o