Startup Village Forum: un dialogo per promuovere startup e innovazione in agricoltura

 

Startup agricola - Photo credit: Foto di DJI-Agras da Pixabay L'iniziativa, denominata Start up Village Forum, mira a sostenere la ricerca e l'innovazione e ad attrarre giovani talenti nelle comunità agricole e nelle aree interne e marginali dell'Unione.

Il patto rurale e il Piano d'azione di Bruxelles per il futuro delle campagne

Il forum dei villaggi startup, previsto della visione di lungo termine e del piano d'azione della Commissione per le aree rurali, si propone come uno spazio di confronto tra istituzioni locali, regionali, nazionali ed UE e stakeholder, per esplorare il potenziale delle startup nei territori agricoli e interni e affrontare le sfide che ne limitano lo sviluppo.

“La promozione dell'innovazione rurale dovrebbe contribuire ampiamente alla transizione verde e digitale, a vantaggio delle nostre comunità rurali, dei nostri agricoltori e della società nel suo insieme. Lo Start up Village Forum svolge un ruolo importante, collegando startup, attori rurali e autorità pubbliche per condividere conoscenze ed esperienze”, ha dichiarato il commissario per l'agricoltura, Januzs Wojciechowski.

Startup village forum, spinta all'innovazione nelle aree rurali

Il 30 giugno scorso la Commissione europea ha presentato un Patto rurale e un Piano d'azione per traghettare le aree interne e marginali dell'UE nel percorso di transizione verde e digitale, affrontando le sfide collegate all'impatto della globalizzazione, dell'urbanizzazione e dell'invecchiamento della popolazione e i problemi derivanti dalla carenza di infrastrutture e dalla mancanza di opportunità di lavoro qualificate, soprattutto per le giovani generazioni.

In questo quadro lo Startup Village Forum promuove il dialogo tra istituzioni e attori dell'innovazione per creare le condizioni per un'imprenditorialità più innovativa nelle aree rurali, in grado di arginare l'abbandono da parte dei giovani e anzi di attirare nuovi talenti in questi territori.

Gli obiettivi dell'iniziativa, ha spiegato in una nota l'Esecutivo UE, sono:

  • sostenere l'ulteriore sviluppo degli ecosistemi di innovazione rurale;
  • identificare e analizzare i fattori scatenanti dell'innovazione nelle aree rurali;
  • collegare gli attori dell'innovazione rurale in tutta l'UE, con particolare attenzione alle startup;
  • fornire una comprensione comune del concetto di Startup Village ed evidenziare il legame con il concetto di villaggio intelligente.

I fondi europei per l'innovazione in agricoltura

Con l'evento di lancio del 16 novembre la Commissione ha informato gli imprenditori e gli attori dell'innovazione rurale anche sulle opportunità di finanziamento esistenti a livello UE, a cominciare dai fondi europei dei Programmi di sviluppo rurale (PSR) nell'ambito della PAC, la Politica agricola comune, in particolare attraverso il Parteneriato europeo per l'innovazione "Produttività e sostenibilità dell'agricoltura" (PEI-AGRI).

Senza dimenticare il contributo della Politica di coesione dell'UE. I fondi strutturali europei sostengono la costruzione dell'ecosistema dell'innovazione rurale, ha sottolineato la commissaria per la Coesione e le riforme, Elisa Ferreira, ricordando gli investimenti FESR per la digitalizzazione, a partire dall'accesso alla banda ultralarga, e per la partecipazione delle aree rurali alla transizione verso un'Europa verde e sostenibile. 

Infine, anche le attività di R&I incentrate sulle zone rurali nell'ambito del programma Horizon Europe contribuiranno allo sviluppo di innovazioni da e per le comunità agricole, che poi potranno essere promosse e diffuse tra gli stakeholder attraverso i forum annuali dell'iniziativa Startup Villages.

Per approfondire: Cosa finanziano le call Farm to Fork del Cluster 6 Horizon Europe

European Startup Village Forum

Photo credit: Foto di DJI-Agras da Pixabay 

Per leggere il contenuto prego
o