ENISA al lavoro per certificare la sicurezza delle reti 5G in Europa

 

Cybersecurity 5GSu incarico della Comissione UE, l'Agenzia dell'Unione europea per la cybersicurezza (ENISA) dovrà preparare un nuovo schema di certificazione per la cybersicurezza delle reti 5G. Per farlo l'ENISA chiamerà a raccolta gli esperti del settore con una call di prossima pubblicazione.

Cybersecurity: nasce gruppo esperti UE per certificazione sicurezza informatica  

Con il nuovo schema di certificazione la Commissione europea intende rafforzare la sicurezza dei network 5G, in linea con quanto previsto dal Cybersecurity Act, dal toolbox per la sicurezza delle reti 5G e dalla strategia UE per la cybersicurezza.

Cybersecurity delle reti 5G: in arrivo lo schema di certificazione europeo

Il nuovo schema di certificazione europeo per la cybersicurezza delle reti 5G si baserà sulle disposizioni vigenti, prendendo ad esempio gli schemi esistenti, e sull'esperienza maturata dall'ENISA nel campo della cybersicurezza. Il Cybersecurity Act, infatti, ha rafforzato il ruolo dell'Agenzia in questo settore.

Per rispondere al compito assegnato da Bruxelles, l'ENISA lancerà una call for experts con l'obiettivo di formare un gruppo di lavoro ad hoc che aiuterà l'Agenzia a definire il nuovo schema di certificazione. La call sarà pubblicata prossimamente sul sito dell'ENISA.

L'Agenzia coopererà anche con gli stakeholder e i gruppi di lavoro esistenti, tra cui l'European Cybersecurity Certification Group e il NIS Cooperation Group, che verranno aggiornati sulle attività dell'ENISA.

Il commissario europeo per il Mercato interno, Thierry Breton, ha affermato che: “La sicurezza è al centro del lancio della tecnologia 5G. La certificazione a livello di UE, insieme ad altri tipi di misure presenti nel toolbox, supporta i nostri sforzi per ottimizzare la sicurezza del 5G e correggere le vulnerabilità tecniche. Questo è il motivo per cui è importante che gli Stati membri facciano ulteriori progressi nell'attuazione del toolbox ”.

Digital Europe - finanziamenti per la trasformazione digitale 

Per leggere il contenuto prego
o