Imprese: beni confiscati in comodato gratuito per tornare a lavorare in presenza

 

Beni confiscatiCon il progetto 'Spazi per ricominciare' le aziende colpite dalle conseguenze dell'emergenza Covid-19 potranno usufruire dei beni confiscati per mantenere livelli sostenibili di lavoro in presenza. Lo prevede il protocollo sottoscritto da Unioncamere insieme all’Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) per sostenere l’occupazione e le attività produttive.

Finanziamenti per imprese sequestrate e confiscate, via alle domande

Il progetto Spazi per ricominciare

Nel dettaglio l'iniziativa "Spazi per ricominciare" di Unioncamere e ANBSC intende rendere fruibili, in comodato d’uso gratuito e in via temporanea, i beni in confisca definitiva da parte delle imprese che ne hanno necessità a seguito dell’emergenza COVID-19. La procedura straordinaria di assegnazione dei beni è finalizzata a mantenere livelli sostenibili di lavoro in presenza o a supportare le attività di varia natura che restino ostacolate o rese più complesse dall’obbligo del distanziamento fisico e più in generale dalla crisi generata dal COVID-19.

Politica Coesione – i finanziamenti per il recupero di beni confiscati

L’Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata (ANBSC) ha individuato una lista di beni immobili confiscati assegnabili alle imprese per il tramite delle Camere di commercio. Le imprese che sono interessate all’acquisizione di un bene immobile presente nella lista e per le motivazioni legate all’emergenza generata dal COVID-19 potranno avanzare la manifestazione di interesse indirizzandola alla Camera di commercio presso la quale si è iscritti e secondo le modalità indicate dallo stesso ente camerale.

Per avere ulteriori informazioni e per conoscere i beni immobili che sono disponibili è possibile scrivere a forumlegalita@unioncamere.it segnalando la provincia per la quale si fa richiesta.

Gli altri interventi del protocollo Unioncamere-ANBSC

Il protocollo Unioncamere-ANBSC promuove la collaborazione inter-istituzionale anche attraverso altre iniziative, che riguardano:

  • l’individuazione di modalità volte a sostenere e quindi valorizzare le aziende confiscate consentendone la sostenibilità produttiva. Tra queste modalità in particolare si prende a riferimento lo studio e la sperimentazione di sistemi di rete applicati alle aziende confiscate; 
  • la partecipazione ad iniziative volte alla diffusione e l’utilizzo del portale “open data aziende confiscate”;
  • l’individuazione di soluzioni, anche di natura normativa, volte a consolidare e sviluppare i bacini informativi, e la loro interconnessione, del Registro Imprese e di Open Regio e degli altri sistemi informativi in uso all’Agenzia.

> Consulta il protocollo

Per leggere il contenuto prego
o