SPID per uso professionale: a cosa serve e come funziona

 

Agid professionistiGrazie alle linee guida per il rilascio delle identità digitali per uso professionale, pubblicate dall'Agenzia per l'Italia digitale (Agid), diventa più semplice verificare l’appartenenza di una persona fisica ad un’organizzazione e/o la sua qualità di professionista.

AgID: al via piano di lavoro 2020 del programma ISA²

Con le linee guida, infatti, si attiva una nuova funzionalità per il sistema pubblico di identità digitale (SPID), attesa da numerose  amministrazioni pubbliche e da privati, che consente l’apertura di nuovi servizi online, superando gli ostacoli all’uso della propria identità digitale per scopi lavorativi.

> Decreto Semplificazioni: Agid, in arrivo le linee guida su blockchain

Le indicazioni contenute nel regolamento individuano le modalità che gli Identity Provider devono seguire per il rilascio delle identità per uso professionale, consentendo di veicolare attraverso SPID, oltre ai dati della persona fisica, anche i dati dell’organizzazione di appartenenza per la quale si stamagendo su un servizio reso disponibile da un service provider. Le identità rilasciate, al contrario, non costituiscono prova dei poteri di rappresentanza di una persona giuridica dei quali una persona fisica è eventualmente in possesso, né l’appartenenza di un professionista a un determinato ordine professionale o altro elenco qualificato. 

La regolazione del rapporto fra gestore di identità digitali e il soggetto che richiede identità digitale uso professionale è oggetto di contrattazione fra le parti. Il rilascio delle identità digitali per uso professionale per le persone giuridiche deve avvenire sulla base di un contratto perfezionato tra il gestore di identità digitali e la persona giuridica.

Nel dettaglio l’identità digitale per uso professionale contiene l’attributo‐estensione Purpose valorizzato con codice 'P', che consente ai fornitori di servizi SPID di regolare l’accesso ai servizi dedicati a professionisti e a persone giuridiche. Spetta ai fornitori dei servizi SPID la definizione del livello di autorizzazione associato alla persona fisica risultante dall’identità digitale per uso professionale

> Linee guida

Per leggere il contenuto prego
o