Mipaaf: 500 milioni per migliorare le infrastrutture irrigue

 

Strategia Mipaaf risparmio idrico, photo credit: pixabay ronymichaudPresentata la nuova Strategia nazionale per il risparmio idrico, la tutela territoriale, la lotta al dissesto idrogeologico del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf). 

> Piano nazionale settore idrico - 80 milioni per gli acquedotti

Nelle prossime settimane verranno avviati i lavori nel settore infrastrutture irrigue per circa 500 milioni di euro; nei nuovi bandi prospettiva favorevole per i progetti delle regioni del Sud. Lo ha annunciato il ministro per le Politiche agricole Teresa Bellanova in occasione della presentazione della programmazione strategica nazionale.

Suddivisa nei bienni 2018-2019 e 2020, la Strategia complessiva esemplifica perfettamente il ruolo sempre più centrale dell'agricoltura nell'ambito del New Green Deal, facendo propri i temi dell'irrigazione, della bonifica idraulica e della prevenzione del dissesto idrogeologico, oltre al Piano dei lavori previsti per l'anno in corso.

Nel primo biennio di riferimento, sono stati finanziati 67 progetti di rilevanza nazionale nel comparto del risparmio idrico agricolo, per un totale di 629 milioni a valere sul Programma di sviluppo rurale nazionale (PSRN), sul Fondo sviluppo e coesione e sulla Legge di bilancio 2017, che aveva istituito il Fondo per le infrastrutture strategiche.

Nel 2020, si dà il via ad una nuova importante tranche di interventi, con la realizzazione di 52 progetti, merito dell'importante lavoro di attrazione delle risorse svolto dal Mipaaf nei mesi precedenti.

"E' questo il segnale importante che noi vogliamo dare a questo paese dove ci sono oltre 120 miliardi di euro destinati a opere grandi e piccole, in gran parte già cantierabili. E' per questo che bisogna attivarsi, anche per determinare nuove opportunità di lavoro. L'acqua è un bene prezioso che deve essere consumato con intelligenza e che può dare risultati importanti sulla qualità dei prodotti e la redditività delle imprese", ha affermato il ministro Bellanova.

Infatti, il fattore della cantierabilità immediata ha da sempre rappresentato una delle condizioni per la partecipazione alla selezione delle varie iniziative, il che ha consentito ai beneficiari, in gran parte consorzi di bonifica, di essere immediatamente operativi.

Alcuni strumenti utili, che rientrano nella Strategia nazionale, sono la Banca dati degli Investimenti irrigui e il Sistema Informativo nazionale per la gestione della risorsa idrica in agricoltura. Entrambi realizzate dal CREA, i due nascono con lo scopo di raccogliere il maggior numero di informazioni possibili in modo da supportare efficacemente la programmazione degli interventi e modelli di certificazione sulla sostenibilità, in particolare per quanto concerne l'utilizzo della risorsa idrica.

> UE: accordo per il riuso delle acque reflue in agricoltura

Photo credit: pixabay ronymichaud

Per leggere il contenuto prego
o