Forum Economy Roadshow Firenze - quanto contano le soft skill

 

Forum Economy Roadshow - Photo credit: Comunicazione italianaIl ruolo delle competenze nel contesto della digitalizzazione è stato al centro della tappa fiorentina del Forum Economy Roadshow, il tour di eventi b2b dedicato all’innovazione nello sviluppo dell’economia.

Forum Economy Roadshow – 650 partecipanti alla partenza del tour

Imprenditori, opinion leader, rappresentanti istituzionali e Top C-Level si sono confrontati sulla centralità delle persone e delle soft skill di fronte ai processi di innovazione digitale che stanno trasformando l’economia, il lavoro e la comunicazione.

Trentacinque speaker, attraverso Talk show, Innovation speech e Inspiration Speech, hanno animato la giornata di lavoro dedicata ai nuovi approcci che valorizzano il rapporto tra le persone (#H2H Human-to-Human) e ospitata dall'Auditorium della Camera di Commercio di Firenze.

La manifestazione, arrivata in Toscana dopo gli appuntamenti di Roma, Napoli e Milano, è promossa da Comunicazione Italiana, il sistema relazionale e associativo che sviluppa connessioni di business e processi di innovazione attraverso due realtà: For#uman Relations, che organizza eventi diretti a facilitare la comunicazione tra imprese e istituzioni, e For#Uman Community, che aggrega organizzazioni ed enti con l'obiettivo di condividere esperienze e valorizzare il capitale umano.

Innovazione – appuntamento a Napoli per il Forum Economy Roadshow

L'importanza delle soft skill e dei talenti delle persone

Le nuove tecnologie non solo l'unico perno della digitalizzazione dell'economia. Perchè i processi di innovazione siano efficaci servono persone in grado di comprendere e rilanciare la trasformazione in atto, con capacità comunicative, propensione al cambiamento, attenzione alle relazioni e una tutta una serie di altri talenti che vanno sotto il nome di soft skill e sono ampiamente ricercati dalle aziende.

Le grandi società sono impegnate in una “guerra dei talenti” per reclutare le migliori risorse presenti sul mercato, spiega il direttore del personale di Philip Morris Italia, Paolo Le Pera. E la capacità di attrarli non si basa solo sulla comunicazione esterna dell'azienda, dal momento che tante informazioni su cosa la società è in grado di offrire vengono acquisite da dipendenti ed ex dipendenti, media e altri contenuti non controllabili dalle corporation.

Una volta attratte persone in possesso delle abilità ricercate è però fondamentale riconoscere in cosa consista il loro potenziale e saperlo valorizzare, sottolinea Alessandro Groggia, commercial manager di Shl, che a Firenze ha presentato una ricerca sul tema, secondo cui le competenze tecniche non sono sufficienti senza la piena comprensione dei talenti e dei contesti più adeguati al loro dispiegamento.

Infine, aggiunge Marina Possi, head of Talent management & Education di Hitachi, non bisogna sottovalutare la motivazione delle persone: è fondamentale che condividano gli obiettivi fissati dall’azienda e che abbiano fiducia nel management e nelle innovazioni che si stanno introducendo.

Forum Economy Roadshow

Per leggere il contenuto prego
o