Export coach: il nuovo programma SACE-SIMEST per le PMI

 

SACE SIMEST export coach: photocredit Gerd AltmannSta per partire “Export coach”, la nuova attività di SACE- SIMEST, Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo CDP, che nell'ambito del percorso “Education to export” fornirà assistenza alle PMI italiane per la selezione degli strumenti più adatti a sostenere i loro piani di espansione commerciale all’estero.

CDP – al via la nuova rete di uffici territoriali

Sono per ora dodici gli export coach selezionati da SACE e SIMEST e a cui è stato affidato il compito di orientare le imprese nel mondo delle soluzioni CDP per l’internazionalizzazione, sia per sviluppare delle collaborazioni già attive sia per aprirsi a nuove opportunità.

L’obiettivo ambizioso che SACE e SIMEST si sono poste è quello di raggiungere oltre 3.500 nuove PMI entro il 2021 e per questo il numero degli export coach potrebbe raddoppiare già entro la fine del 2019.

In termini concreti, il nuovo programma del Gruppo consisterà in incontri singoli con gli imprenditori interessati a ricevere un supporto formativo e informativo da parte degli export coach che si recheranno direttamente in azienda per ascoltare le esigenze delle imprese e, sulla base delle loro strategie di penetrazione commerciale, consigliarle sugli strumenti più adatti per sostenere e tutelare le loro operazioni all’estero.

Un’attenzione specifica sarà riservata alle imprese del Sud dove faranno base la maggior parte degli export coach selezionati, che hanno un’età media di trent’anni.

“Export coach” è, pertanto, un vero e proprio percorso individuale e personalizzato di accompagnamento all'estero, incentrato sull’ascolto e il coaching e indirizzato soprattutto alle imprese più piccole ma che hanno la potenzialità di operare con successo sui mercati esteri.

SACE-Simest: l’export della Sicilia tra vecchi e nuovi rischi

Il programma “Education to export”

“Export coach” è solo uno degli strumenti formativi messi a punto da SACE e SIMEST per sostenere l’internazionalizzazione delle PMI italiane che, per loro natura, richiedono strumenti e percorsi adatti alla loro taglia e al grado di maturazione raggiunto nelle operazioni di export.

Il programma “Education to export”, infatti, si compone di un ampio portfolio di strumenti che, oltre al coaching offerto da dodici professionisti entrati nella squadra SACE e SIMEST, può contare su un set di nuovi prodotti di formazione online, strutturati in un percorso sequenziale di crescita delle competenze per esportare diviso in quattro sezioni: come iniziare; come strutturarsi; come essere competitivi; come espandersi.

In ognuna delle sezioni sono presenti approfondimenti, esempi concreti di percorsi intrapresi di imprese, abbracciando tutte le tipologie di prodotto più richieste dalle piccole e medie imprese:

  • valutazione sull’affidabilità delle controparti estere;
  • assicurazione dal rischio di mancato pagamento Export up;
  • finanziamenti agevolati per fiere internazionali;
  • scouting commerciali e altre iniziative;
  • garanzie per accedere più facilmente al credito bancario;
  • factoring digitale;
  • recupero crediti.

La ratio complessiva del programma di formazione viene spiegata da Stefano Bellucci, Responsabile PMI SACE: “L’esperienza al fianco delle imprese ci insegna che non basta solo offrire prodotti efficaci, e non basta solo renderli semplici e accessibili, ma bisogna anche aiutare le imprese a utilizzarli”.

Le imprese interessate a usufruire del programma “export coach” possono individuare sul sito di SACE-SIMEST il nominativo dell’export coach più vicino da contattare.

Piano industriale CDP 2019-2021: investimenti per 200 miliardi in tre anni

Photocredit: Gerd Altmann da Pixabay 

Per leggere il contenuto prego
o