Percorsi sostenibili – Direzione 2030: serve un cambio di paradigma

 

Photo Credit: Percorsi SostenibiliIl tema della sostenibilità è sempre più presente nelle strategie di business delle imprese. Sulle azioni da intraprendere, però, c'è ancora molta confusione. Se ne è parlato al convegno “Percorsi sostenibili – Direzione 2030”.

Agenda 2030 – a Milano il convegno Percorsi sostenibili

Il convegno, promosso da NSA e Nonsoloambiente.it con il patrocinio di Ferpi e Assosef, si è svolto a Milano, presso la Sala Colonne di Banco BPM. Obiettivo della giornata, fornire una panoramica sugli aspetti relativi alla sostenibilità, un tema oggi molto dibattuto, ma su cui è necessario fare ancora chiarezza, soprattutto per quanto riguarda le azioni concrete che possono rendere le aziende sostenibili.

Come viene riportato nella ricerca “Il Bollettino della sostenibilità” condotta da EMG Acqua Group per Nonsoloambiente.it, solo il 45,1% degli italiani ha dichiarato di essere a conoscenza del termine sostenibilità. Tuttavia, è indubbia la crescita della sua diffusione, ha osservato Fabrizio Masia, Direttore Generale & Partner di EMG Acqua: “Soprattutto se ci si riferisce a quella ambientale, si può constatare come la maggior parte del campione osservato abbia risposto positivamente all’inserimento della questione sostenibilità nell’agenda del Governo”.

Sviluppo sostenibile - dopo le elezioni Bruxelles passi ai fatti

Si tratta, tuttavia, di pratiche e attenzioni che non devono essere gestite e regolamentate solo dalle istituzioni ma che possono - e anzi devono - partire dal singolo individuo e dai programmi di operatività delle aziende.

A tal proposito Luca Manzoni, Responsabile Corporate di Banco BPM, ha fin da subito mostrato il suo interesse ad ospitare il convegno “Percorsi sostenibili” credendo nel valore di tale progetto. "Una banca come la nostra che unisce al ruolo di player primario nel panorama finanziario nazionale una particolare attenzione al servizio ai territori in cui opera, considera il contributo alle comunità e all'economia reale del Paese un preciso impegno sociale" ha dichiarato Manzoni.

"L'adozione di strategie che pongano in primo piano le tematiche di Environmental & Social Governance rappresenta e sempre più rappresenterà un elemento determinante per lo sviluppo delle performance delle aziende e per la relativa sostenibilità nel tempo; per questo Banco BPM vuole essere vicino alla propria clientela supportando progetti, investimenti ed iniziative finalizzate a realizzare questi percorsi virtuosi che, si ribadisce, non hanno solo un importante contenuto sociale, ma costituiscono veri e propri driver di sviluppo aziendale", ha aggiunto.

Durante il convegno “Percorsi sostenibili – Direzione 2030” è stato presentata, inoltre, la prima edizione dell’Annuario della sostenibilità, progetto editoriale realizzato dalla start-up NSA, per fornire a tutti gli stakeholder uno strumento facile, veloce e accessibile che riporti i referenti csr e sostenibilità delle aziende.

Tematiche, quelle presentate al convegno, verso cui i consumatori e le aziende prestano sempre più attenzione. Nonostante la qualità rimanga il primo fattore nella scelta d’acquisto (35,0%), la sostenibilità sta occupando nel tempo una rilevanza maggiore (17,7%), soprattutto nel settore alimentare (33,7%).

Dai dati riportati da EMG Acqua si evince, infatti, come il 60,2% degli italiani creda che la sostenibilità assumerà un impatto più profondo nella vita di ciascuno, considerando già come il 52,5% del campione selezionato ritenga le aziende italiane sufficientemente sostenibili.

Per questa ragione, una costante attività di sensibilizzazione deve essere l’obiettivo dei comunicatori, affinché si possa realmente concretizzare un cambiamento di metodo nell’approccio al business.

Finanza sostenibile - la chiave per proteggere la biodiversita’

Per leggere il contenuto prego
o