Intelligenza artificiale - OCSE, linee guida per uso responsabile

 

Intelligenza artificialeL'Italia, insieme ad altri 41 paesi, ha adottato le raccomandazioni e i principi sull'intelligenza artificiale (IA) elaborati dall'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). L'obiettivo è favorire un uso responsabile dell'IA, stanziando le risorse necessarie per esplorare le sue possibili applicazioni.

Intelligenza artificiale - brevetti, ecco le aziende che innovano di piu' 

Si tratta delle prime linee guida intergovernative sulle politiche relative all'intelligenza artificiale, siglate a Parigi - in occasione della riunione annuale del Consiglio dell'OCSE a livello ministeriale - da 36 paesi che aderiscono all'organizzazione, più Argentina, Brasile, Colombia, Costa Rica, Perù e Romania.

Brevetti - bando EPO 2019 per centri di ricerca

OCSE, linee guida sull'intelligenza artificiale

Le linee guida sono state elaborate da un gruppo di 50 esperti composto da rappresentanti delle istituzioni, del mondo accademico, dell'industria, della società civile, della comunità tecnologica e dei sindacati. Il documento raccoglie cinque principi per un uso responsabile dell'IA insieme a cinque raccomandazioni per le politiche pubbliche e la cooperazione internazionale.

Nel dettaglio i cinque principi stabiliscono che:

  • l'IA dovrebbe essere utilizzata a vantaggio delle persone e del pianeta per una la crescita inclusiva, lo sviluppo sostenibile e il benessere;
  • i sistemi di intelligenza artificiale dovrebbero essere progettati in modo da rispettare lo stato di diritto, i diritti umani, i valori democratici e la diversità e dovrebbero includere garanzie appropriate, ad esempio, consentendo l'intervento umano quando è necessario, per garantire una società giusta ed equa;
  • ci dovrebbe essere trasparenza e divulgazione responsabile intorno ai sistemi di intelligenza artificiale;
  • i sistemi di IA devono essere sicuri per tutta la loro durata, e i potenziali rischi dovrebbero essere continuamente valutati e gestiti;
  • le organizzazioni e gli individui che sviluppano, distribuiscono o gestiscono i sistemi di IA dovrebbero essere ritenuti responsabili per il loro corretto funzionamento in linea con i principi di cui sopra.

Le cinque raccomandazioni, invece, invitano i governi a: 

  • facilitare gli investimenti pubblici e privati ​​nella ricerca e nello sviluppo per stimolare l'innovazione nell'IA;
  • promuovere ecosistemi per l'IA accessibili con infrastrutturetecnologie digitali e meccanismi per condividere dati e conoscenze;
  • creare un contesto politico che aprirà la strada alla diffusione di sistemi di IA affidabili;
  • fornire alle persone le competenze per utilizzare l'intelligenza artificiale e sostenere i lavoratori per garantire una transizione equa;
  • cooperare attraverso i confini e i settori per condividere informazioni, sviluppare standard e lavorare per una gestione responsabile dell'IA.

"L'intelligenza artificiale sta rivoluzionando il modo in cui viviamo e lavoriamo, offrendo straordinari benefici alle nostre società ed economie", ha dichiarato il segretario generale dell'OCSE, Angel Gurría, ricordando tuttavia che l'IA solleva anche nuove sfide e alimenta preoccupazioni di carattere etico. I principi dell'OCSE "saranno un punto di riferimento globale" per assicurare che i sistemi di intelligenza artificiale siano progettati in modo da rispettare valori condivisi.

> Linee guida OCSE

Per leggere il contenuto prego
o