UE-Nuova Zelanda: l'accordo di libero scambio prende forma

 

NZ flag - Photo credit Michael ButtonL'accordo con la Nuova Zelanda è per Bruxelles l'occasione di ridurre gli ostacoli esistenti negli scambi di beni e servizi e di garantire alle imprese europee condizioni di parità in terra straniera.

UE-USA: quali benefici dalla fine dei dazi sui beni industriali?

Si è svolto dal 18 al 22 febbraio a Bruxelles il terzo ciclo di negoziati in vista di un accordo commerciale tra Unione europea e Nuova Zelanda. Il round arriva due settimane dopo la visita nella capitale belga della premier neozelandese Jacinda Ardern, che ha incontrato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker, sottolineando l'importanza dei negoziati e delle loro prime conclusioni. 

Questo terzo round di trattative ha coperto praticamente tutte le aree del futuro accordo, ovvero:

  • dogane e facilitazione del commercio,
  • risoluzione delle controversie,
  • codice di condotta,
  • disposizioni del regolamento,
  • energia e materie prime,
  • appalti pubblici,
  • proprietà intellettuale,
  • regole di origine,
  • piccole e medie imprese (PMI),
  • imprese di proprieta statale,
  • ostacoli tecnici al commercio,
  • scambi di merci,
  • rimedi commerciali,
  • movimenti di capitali,
  • commercio digitale,
  • buone pratiche regolatorie,
  • liberalizzazione degli investimenti e scambi di servizi,
  • misure sanitarie e fitosanitarie,
  • trasparenza.

La riunione ha previsto anche una prima discussione sulle rispettive offerte per l'accesso al mercato delle merci presentate dai negoziatori a dicembre 2018. Nella maggior parte dei casi, le discussioni si sono basate su proposte di testo presentate dall’UE.

Il quarto round si svolgerà in Nuova Zelanda a maggio.

UE-Giappone - entra in vigore l’accordo di partenariato economico

Perchè un accordo di libero scambio UE-NZ?

Gli scambi bilaterali di merci tra i due partner sono aumentati costantemente negli ultimi anni, raggiungendo quasi gli 8,7 miliardi di euro nel 2017. L'UE è attualmente il terzo partner commerciale della Nuova Zelanda.

Secondo la valutazione d'impatto di Bruxelles, con un accordo di libero scambio il commercio tra UE e NZ potrebbero aumentare del 36% (+47% per il commercio di merci e +14% per il commercio di servizi).

Le trattative per l'accordo commerciale sono state lanciate il 21 giugno 2018 dalla commissaria al commercio UE Cecilia Malmstroem e dall’omologo neozelandese David Parker a Wellington. I primi due turni di negoziati si sono svolti a luglio e ottobre 2018.

Attraverso l'intesa l'UE punta a:

  • ridurre gli ostacoli esistenti negli scambi di beni e servizi,
  • assicurare che le imprese europee competano in condizioni di parità con le imprese di Paesi che hanno già un accordo commerciale con la Nuova Zelanda,
  • promuovere una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

UE-Singapore - luce verde dal PE su libero scambio e investimenti

Photo credit: Michael Button

Per leggere il contenuto prego
o