Innovation Fund: seconda call del programma di investimenti nelle tecnologie pulite

 

Investimenti nelle tecnologie puliteAperta la seconda call dell'Innovation Fund, il programma con cui Bruxelles investe in progetti sulle tecnologie pulite che siano promettenti e abbastanza maturi per il mercato, quali l'idrogeno pulito, le rinnovabili o altre soluzioni a basse emissioni di carbonio per industrie ad alta intensità energetica.

Stoccaggio dell’energia: il Parlamento UE punta su idrogeno verde e batterie

Dopo il successo della prima call lanciata nell'ambito del Fondo per l'innovazione, la Commissione lancia un secondo bando rivolto a progetti di piccola scala. 

Innovation Fund: cos'è e come funziona

Il Fondo erogherà circa 10 miliardi di euro provenienti dalla vendita all'asta di quote nell'ambito del sistema di scambio delle quote di emissione dell'UE, in aggiunta agli importi inutilizzati del predecessore del Fondo per l'innovazione, il programma NER 300.

NER 300 è un'iniziativa della Commissione e della Banca europea per gli investimenti (BEI) nata con lo scopo di finanziare progetti di contrasto al cambiamento climatico con risorse provenienti dalla vendita di 300 milioni di quote di emissione tratte dalla riserva per i nuovi entranti (new entrants' reserve- NER) creata per la terza fase del sistema di scambio di quote di emissioni (ETS) dell'Unione.

Infografica: European Commission

L'Innovation Fund si basa sulle lezioni apprese da NER 300: in primis, che selezionare progetti immaturi e fornire un supporto tardivo ha portato a un basso tasso di successo dei progetti stessi.

Il focus sarà quindi sulle tecnologie altamente innovative, che possono portare a riduzioni significative delle emissioni in più settori e liberare ulteriori investimenti a basse emissioni di carbonio in tutti gli Stati membri.

L’Innovation Fund mira inoltre a sostenere in particolare progetti trasversali, che consentano di ridurre le emissioni in più settori. Il sostegno sarà fino al 60% del capitale aggiuntivo e dei costi operativi legati all'innovazione, principalmente tramite sovvenzioni erogate in modo flessibile in base alle esigenze del mercato e dell'attività, tenendo conto delle tappe raggiunte durante la vita del progetto. 

La prima call dell'Innovation Fund

Il primo invito a presentare proposte permette di erogare finanziamenti per un miliardo di euro a progetti di grande portata sulle tecnologie pulite per contribuire a sormontare i rischi legati alla commercializzazione e alla dimostrazione su vasta scala. Questi finanziamenti aiuteranno le nuove tecnologie a raggiungere il mercato.

Per i progetti promettenti ma non ancora maturi per il mercato è previsto un bilancio separato di 8 milioni di euro per l'assistenza allo sviluppo.

L'invito è aperto (fino al 29 ottobre) a progetti in settori ammissibili di tutti gli Stati membri dell'UE, dell'Islanda e della Norvegia. I finanziamenti possono essere utilizzati in combinazione con altre iniziative di finanziamento pubblico, quali gli aiuti di Stato o altri programmi di finanziamento dell'UE.

I progetti saranno valutati in funzione del loro potenziale per evitare le emissioni di gas a effetto serra,  del potenziale di innovazione e della maturità finanziaria e tecnica, come pure del potenziale di espansione e di efficienza sotto il profilo dei costi.

La seconda call dell'Innovation Fund per progetti di piccola scala

Il secondo bando fornirà un finanziamento di 100 milioni di euro e andrà a supportare attività:

  • che sostengono l'innovazione nelle tecnologie e nei processi a basse emissioni di carbonio;
  • che aiutano a stimolare la costruzione e il funzionamento di progetti che mirano alla cattura ecologicamente sicura e allo stoccaggio della CO2 (CCS);
  • che aiutano a stimolare energie rinnovabili innovative e tecnologie di stoccaggio dell'energia.

Energie rinnovabili, industrie ad alta intensità energetica, stoccaggio di energia e cattura e stoccaggio del carbonio sono i settori coinvolti in questa seconda call. 

I progetti saranno valutati in base alla loro capacità di evitare emissioni inquinanti, al potenziale di innovazione, alla maturità finanziaria e tecnica e al potenziale di espansione e di efficienza dei costi.

Le richieste di accesso a fondi europei dell’Innovation Fund possono essere presentate da enti pubblici e privati o organizzazioni internazionali, anche in consorzio.  

Le domande possono essere presentate entro il 10 marzo 2021. 

Per leggere il contenuto prego
o