UE-USA: proposte di direttive per negoziati su beni industriali e conformita'

 

UE-USABruxelles adotta due proposte di direttive di negoziato per accordi commerciali con gli Stati Uniti. La nuova cooperazione UE-USA riguarderà la soppressione dei dazi sui beni industriali e la semplificazione delle procedure per la valutazione di conformità dei prodotti scambiati.

Commercio - riforma OMC, libero scambio e USA tra le priorita' UE

In linea con quanto concordato dal presidente della Commissione UE Jean-Claude Juncker e dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump nell'incontro di luglio 2018, l’UE ha adottato due proposte di direttive di negoziato per le trattative commerciali con gli USA.

Le direttive riguardano due potenziali accordi con gli Stati Uniti:

  • un accordo commerciale focalizzato sulla soppressione dei dazi sui beni industriali, con l'esclusione dei prodotti agricoli;
  • un accordo sulla valutazione della conformità che, nell’ottica di contribuire all’obiettivo di eliminare le barriere non tariffarie, dovrebbe facilitare le imprese nell'onere di dimostrare che i loro prodotti soddisfano i requisiti tecnici sia dell’UE che degli USA.

Nell'ambito del gruppo di lavoro esecutivo UE-USA, istituito sempre in occasione dell’incontro del 25 luglio 2018, la commissaria europea al Commercio Cecilia Malmström e l’omologo statunitense Robert Lighthizer - ricorda Bruxelles - si sono incontrati quattro volte per procedere con il programma di lavoro concordato. Parallelamente si sono tenute altre riunioni tra i rappresentanti delle due parti, a livello di alti funzionari ed esperti.

UE-USA: al vaglio ipotesi di un accordo commerciale sui beni industriali

L'UE, spiega la Commissione, ha già attuato diversi aspetti della dichiarazione congiunta di luglio. Primo tra tutto, l’aumento del 112% nel periodo luglio-dicembre 2018, rispetto al medesimo periodo del 2017, delle importazioni di semi di soia statunitensi nell'Unione europea.

Attualmente gli USA sono il principale fornitore di semi di soia in Europa e, annuncia Bruxelles, in un futuro vicino il mercato statunitense potrà ulteriormente espandersi, a seguito della decisione della Commissione di avviare il processo di autorizzazione dell'uso di semi di soia made in USA per la produzione di biocarburanti.

Un altro aspetto degli impegni UE-USA su cui l’Unione sta già lavorando è quello del gas naturale liquefatto (GNL). Le spedizioni del GNL statunitense hanno, infatti, riscontrato un forte aumento a ottobre e novembre 2018. L'UE ha, inoltre, individuato una serie di settori in cui la cooperazione volontaria in materia di regolamentazione con gli USA potrebbe produrre risultati rapidi e sostanziali. 

Per leggere il contenuto prego
o