Aspesi lancia il laboratorio permanente per Roma

 

Laboratorio permanente per RomaAspesi Roma presenta il laboratorio permanente per il rilancio socio-economico della Capitale. Primo passo: promuovere e stimolare le iniziative in occasione del 150esimo anniversario di Roma Capitale, nel 2021.

REgeneration LAB: al via l'iniziativa per rilanciare Roma

Alla presenza di oltre 50 rappresentanti, tra istituzioni, associazioni, università, ordini, società pubbliche e private, è stato presentato al MAXXI il laboratorio permanente per Roma, costituito da ASPESI Roma, la branch capitolina dell’Associazione Nazionale delle Società di Promozione e Sviluppo Immobiliare - ASPESI, tradizionale organizzazione dell’immobiliare italiano.

Dopo 18 mesi di lavoro sulle strategie di valorizzazione metropolitana di Roma e del suo territorio, i soci romani di ASPESI, insieme ad intellettuali e amici attenti a ciò che accade in città, hanno identificato la necessità di un laboratorio permanente per il rilancio della Capitale, che coinvolgendo le sue forze socio-economiche e culturali più significative, sia in grado di offrire proposte e soluzioni all’Amministrazione comunale ed a tutte le istituzioni per rispondere alle urgenze che la Capitale ogni giorno evidenzia in tutti gli ambiti della sua vita collettiva.

Social housing - al via progetto CDP e Roma Capitale

Laboratorio permanente per Roma

Obiettivo del laboratorio è andare ben oltre l’attività core dell’associazione, il “mattone”, e coinvolgere paritariamente le migliori risorse della società civile della Capitale su idee e progetti per il suo rilancio socio-economico.

Una vera “chiamata alle armi” di imprenditori e professionisti, manager e intellettuali per un rinnovato impegno socio-civile e una ricucitura della classe dirigente romana, esigenza particolarmente sentita anche nel mondo dell’arte e della cultura, oltre che negli ambienti economici e professionali.

Rome Investment Forum 2018: priorita' ad investimenti e competitivita' globale

“Cercheremo di offrire risposte e soluzioni ai mali della metropoli”, dichiara Federico Filippo Oriana, presidente di ASPESI, “che, in mezzo ai suoi inestimabili tesori d’arte e cultura, ospita anche le Istituzioni nazionali italiane e uno Stato indipendente, il Vaticano, crocevia della diplomazia mondiale. Roma deve, quindi, urgentemente riprendersi non solo per se stessa, ma anche per i due Stati sovrani di cui è la Capitale.”

Prima il presidente di Camera di Commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, e poi il presidente dell'Assemblea Capitolina, Marcello De Vito, hanno espresso l'appezzamento per l'iniziativa di ASPESI e l'interesse ad aderire al laboratorio permanente per Roma.

Anche il presidente dell'ANAC, Raffaele Cantone, ha commentato positivamente la nascita del laboratorio ed ha dato la disponibilità a collaborare sui fondamentali temi della trasparenza e legalità.

Comitato Roma Capitale 2021

Un primo esempio concreto dell’attività del laboratorio permanente per Roma è la costituzione del comitato per celebrare, nel 2021, il 150esimo anniversario di Roma quale Capitale d’Italia.

Il comitato, che non ha scopo di lucro, intende promuovere e stimolare ogni iniziativa utile per valorizzare il ruolo di Roma quale Capitale d’Italia. Le iniziative potranno riguardare ambiti culturali, economici, finanziari, immobiliari, di sicurezza e fruibilità del tessuto urbano con progetti per una migliore fruizione e valorizzazione del patrimonio di beni culturali e ambientali.

“Questo importante anniversario è un’occasione da non perdere, che può e deve coinvolgere le migliori forze del nostro territorio”, afferma Paolo Buzzetti, consigliere incaricato per i rapporti istituzionali di ASPESI, “per ricordare come dal passato si possa trovare nuovo slancio per il futuro di Roma Capitale”.

La collaborazione del comitato con gli stakeholder, in particolare istituzionali e pubblici, oltre al momento celebrativo del 2021 potrà favorire in via permanente la nascita e lo sviluppo di specifici progetti di rigenerazione urbana, anche attraverso l’utilizzo e l’implementazione delle nuove tecnologie e lo snellimento e la semplificazione delle procedure tecnico-amministrative e della burocrazia pubblica, sempre nel pieno rispetto della trasparenza e delle normative vigenti.

Per leggere il contenuto prego
o