Ecco perche' le imprese italiane dovrebbero investire ed esportare in Ghana

 

GhanaPerchè investire in Ghana? Quali sono i settori più promettenti per l’export made in Italy? Ecco una breve guida sulle principali opportunità per le imprese italiane nel Paese africano.

UE-Africa: al via iniziativa per stimolare investimenti green

SACE e SIMEST, che insieme costituiscono il Polo dell’export e dell’internazionalizzazione del Gruppo Cassa depositi e prestiti (CDP) sono in questi giorni in missione in Ghana al fine di rafforzare le relazioni con il Paese africano e mettere a punto nuove iniziative per sostenere export e investimenti italiani in tutta la West Africa.

Con l’occasione facciamo il punto sulle esportazioni e gli investimenti made in Italy nel Paese e sulle prospettive del Polo CDP in questo importante mercato di frontiera.

Il punto su export e investimenti made in Italy

Il Ghana, spiega il Polo CDP, rappresenta per l’export italiano un interessante mercato di frontiera, poiché è una destinazione ancora poco esplorata ma capace di offrire opportunità specifiche a imprese di diversi settori. Attualmente vi sono numerose società italiane presenti nel Paese, operanti principalmente nei comparti:

  • energia,
  • edilizia,
  • produzione e commercializzazione di cacao e legname.

Altre imprese, pur non avendo una presenza stabile in loco, hanno iniziato a rivolgersi al Ghana come mercato di destinazione delle proprie vendite, con conseguente aumento dell’export italiano verso Accra.

Nel 2017 l’export italiano verso il Paese ha toccato i 230 milioni di euro, trainato soprattutto da:

  • meccanica strumentale (oltre il 30% delle vendite totali dall’Italia),
  • metallurgia e prodotti in metallo (11,8%),
  • prodotti chimici (9%)

UE-Africa: impegni su cooperazione, economia e giovani

Nonostante il calo del 12% registrato nel 2017 rispetto all’anno precedente, l’export italiano in Ghana, assicura SACE, conserva “buone prospettive di crescita per gli anni a venire”. Il primo trimestre 2018 ha infatti messo a segno un +12,6% per l’export italiano, che - in base alle previsioni del Polo - si prepara a crescere a un tasso del 3,5% nel prossimo triennio.

Tra i settori che traineranno le opportunità future di crescita del Made in Italy in Ghana, spiccano:

  • materie prime,
  • infrastrutture,
  • social housing,
  • energia,
  • alimentari,
  • pesca,
  • apparecchi elettrici.

La presenza del Polo CDP in Ghana e le prospettive future

In un quadro globale in rallentamento - ha affermato l’ad di SACE Alessandro Decio, alla guida della missione - l’Africa Occidentale rappresenta oggi “una regione dinamica, capace di attrarre investimenti e creare opportunità di medio-lungo termine per l’export italiano in un’ampia gamma di settori funzionali allo sviluppo economico, infrastrutturale, agricolo e manifatturiero locale”.

Il Ghana, spiega il Polo di CDP, rappresenta opportunità interessanti per l’Italia “sia come mercato di destinazione” che “come hub di riferimento” per promuovere esportazioni e investimenti in tutta l’area della West Africa, che comprende, oltre al Ghana: Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Costa d’Avorio, Gambia, Guinea e Guinea Bissau, Liberia, Mali, Niger, Nigeria, Senegal, Sierra Leone e Togo.

Africa: Moavero, da UE servono piu' fondi e investimenti

Con un portafoglio di operazioni assicurate di circa 75 milioni di euro, il Paese è il primo mercato di SACE in West Africa. Il Polo ha inoltre allo studio nuove operazioni per oltre 200 milioni di euro in settori chiave del Paese, dalle tecnologie industriali e agricole alle infrastrutture e costruzioni.

Per leggere l'articolo prego
accedi o iscriviti