A Bolzano un forum sulle priorita' dell'industria italiana e tedesca

 

Germania - Autore Supermac1961Le priorità dell'industria italiana e tedesca per il futuro dell'Unione europea sono al centro dell'ottavo Business Forum Italo-tedesco, in corso a Bolzano.

Nano tech 2019 - opportunita' in Giappone per le imprese tecnologiche

Si tiene in queste ore a Bolzano, nella sede di Assoimprenditori Alto Adige, l'ottava edizione del Business Forum italo-tedesco, quest'anno incentrato sul tema: Le priorità dell'industria italiana e tedesca per il futuro dell'UE.

Il forum, che riunisce imprenditori, rappresentanti delle istituzioni politiche e del panorama economico tedesco e italiano, è volto a rafforzare la collaborazione tra Italia e Germania e a stimolare un dibattito sui temi strategici per l’industria dei due Paesi.

Italia-Emirati Arabi: accordo SACE-ECI per stimolare business e scambi

L'edizione 2018, spiega Confindustria, si svolge in un "momento politico ed economico molto particolare sia per l'Italia che per la Germania” e “alla vigilia di un anno cruciale per l'Europa”. Nella primavera del 2019, infatti, avranno luogo le elezioni del Parlamento europeo, primo passo per “l'istituzione di una nuova Commissione europea, che sarà in carica dopo l'estate”.

In tale contesto, al centro delle discussioni del forum vi sono una serie di questioni strategiche a livello UE:

  • i negoziati sul bilancio UE post 2020, con focus particolare su: coesione, innovazione, investimenti e digitale;
  • una nuova strategia UE per la transizione energetica;
  • il dibattito sulla riforma dell'Unione economica e monetaria e sul completamento dell'Unione bancaria;
  • il futuro delle relazioni commerciali e strategiche tra UE e USA.

Al forum di Bolzano, copresieduto dai presidenti di Confindustria e della federazione dell'industria tedesca, Bundesverband der Deutschen Industrie (BDI), Vincenzo Boccia e Dieter Kempf, partecipa anche il ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale (MAECI) Enzo Moavero Milanesi.

Photo credit: Supermac1961

Per leggere il contenuto prego
o