Il CETA compie un anno: primi impatti dell'accordo sugli scambi UE-Canada

 

CanadaIl 21 settembre 2018 si celebra il primo anniversario dell'entrata in vigore provvisoria del CETA. Ecco cosa dicono i dati sul libero scambio UE-Canada dopo i primi dodici mesi di vita dell'accordo commerciale.

CETA - no a ratifica, l’accordo non tutela prodotti tipici made in Italy

A un anno dall'entrata in vigore provvisoria del CETA, l'accordo economico e commerciale globale tra l'Unione europea e il Canada, la Commissione europea fa il punto sul trend degli scambi tra le due aree. 

Oltre ad aver rimosso praticamente tutti i dazi doganali prima esistenti, spiega Bruxelles, l'intesa ha dato una spinta ai rapporti economici tra UE e Canada, offrendo una "preziosa certezza giuridica per le imprese europee che desiderano esportare".

Benchè sia ancora presto per trarre conclusioni definitive al riguardo, i primi risultati sul commercio bilaterale, continua la nota della Commissione, puntano nella giusta direzione. Le statistiche disponibili - che coprono il periodo tra ottobre 2017 e giugno 2018 – mostrano un aumento del 7% dell'export UE verso il Canada su base annua.

I dati diffusi da Bruxelles mostrano che alcuni settori stanno andando particolarmente bene rispetto agli altri. Le macchine e gli apparecchi meccanici, che rappresentano un quinto delle esportazioni dell'UE verso il Canada, sono in aumento dell'8%. I prodotti farmaceutici, che coprono una quota del 10% dell'export comunitario verso il Paese nordamericano, sono cresciuti del 10%. E cresciuti sono anche i comparti di mobili (+10%), profumi e cosmetici (+11%), calzature (+8%) e abbigliamento (+11%).

Anche in termini di prodotti agricoli, ci sono alcuni dati incoraggianti: le esportazioni di frutta e noci sono aumentate del 29%, quelle di cioccolato del 34%, le vendite di vini spumanti dell'11% e quelle del whisky del 5%.

Commercio - ecco come Bruxelles vuole rinnovare l'OMC

Di ben altra opinione l'europarlamentare 5stelle Tiziana Beghin, che ha commentato il primo anniversario del CETA durante l'inaugurazione della 12a edizione del Salone del Gusto di Torino. A un anno dalla firma dell'accordo, ha affermato l'eurodeputata, “le perplessità sollevate da numerosi operatori del settore sono confermate”.

Secondo i dati Istat, ha spiegato Beghin, nell’ultimo trimestre del 2017 le esportazioni in valore verso il Canada sono risultate in crescita dell’8,5%, ben al di sotto del 12,5% fatto registrare nello stesso periodo nell’anno precedente l’entrata in vigore del trattato.

Il CETA, ha concluso la deputata UE, crea benefici solo per le grandi multinazionali e abbandona al proprio destino le piccole e medie imprese

Soia: USA raddoppia la quota sull'import UE e diventa il primo fornitore

Per leggere il contenuto prego
o