Nuova Via della seta: Di Maio, accordo entro l'anno, ma a certe condizioni

 

CinaL'accordo con Pechino sulla nuova Via della seta potrebbe arrivare entro l'anno, a patto che prima si risolvano alcune questioni dirimenti. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro Luigi di Maio in occasione della sua missione in Cina.

Trasporti, energia, TLC - cosi' l’UE vuole fare squadra con l’Asia

Il vicepremier Luigi Di Maio è impegnato in queste ore nella sua prima missione istituzionale nella Repubblica popolare cinese. La prima tappa della visita lo ha visto a Chengdu, nel sud-ovest del Paese, dove ha incontrato il segretario del partito della Provincia del Sichuan, Peng Qinghua, e ha sottoscritto una serie di accordi istituzionali bilaterali.

Italia-Cina: siglati accordi per cooperazione economica e investimenti

In terra cinese il ministro dello Sviluppo economico è poi stato impegnato in una serie di incontri con i rappresentati degli enti italiani coinvolti nell’organizzazione del Padiglione Italia alla Western China International Fair, con gli imprenditori italiani partecipanti alla fiera e con la comunità italiana residente a Chengdu.

Giunta alla 17a edizione, la Western China International Fair (WCIF) è un'importante piattaforma istituzionale che riunisce leader internazionali ed espositori provenienti da tutto il mondo, cui è destinata un'area espositiva totale di 260mila metri quadrati. La fiera, che si svolge dal 20 al 24 settembre, è quest'anno dedicata alla Belt and Road Initiative, l'imponente progetto infrastrutturale cinese della cosiddetta nuova Via della Seta.

Una conclusione dei negoziati per l'accordo con la Cina sulla partecipazione italiana all'iniziativa potrebbe arrivare entro la fine dell’anno, ma non prima, ha puntualizzato Luigi Di Maio, di risolvere con il governo di Pechino alcune questioni che per l'Italia sono dirimenti.

Paragonandosi a Marco Polo, il vicepremier ha aggiunto di volersi impegnare al massimo per la riuscita della collaborazione Italia-Cina nell'ambito della Belt and Road. Il punto di arrivo della nuova Via della seta è Roma, ha ricordato Di Maio, e dunque "l’Italia non può che essere un partner fondamentale" di Pechino in tale progetto.

Per leggere il contenuto prego
o