Confindustria, AgID e Regioni per un mercato degli appalti innovativo

 

Appalti pubbliciFacilitare la conoscenza degli strumenti innovativi previsti dal Codice dei contratti pubblici al fine di realizzare un sistema strategico di appalti che sia digitale, intelligente e funzionale allo sviluppo del Paese. E' l'obiettivo dell'accordo tra Confindustria, AgID e Conferenza delle Regioni.

Codice Appalti - la posizione di FINCO sulla riforma

E' stato siglato da Confindustria, Agenzia per l'Italia digitale (AgID) e Conferenza delle Regioni, con la collaborazione dell'Istituto per l’innovazione e la trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale (Itaca), un protocollo d'intesa volto a promuovere un mercato degli appalti in grado di sfruttare appieno le potenzialità offerte dal nuovo Codice dei contratti pubblici (D.Lgs 50-2016) e dalla normativa europea in materia.

Gli orientamenti della Commissione per gestire gli appalti in progetti UE

Le recenti riforme sugli impianti legislativi nazionale e comunitario hanno introdotto strumenti innovativi, quali:

  • appalto pre-commerciale,
  • partenariato per l’innovazione,
  • dialogo competitivo,
  • procedura competitiva con negoziazione,

Si tratta - spiegano Confindustria, AgID e Conferenza delle Regioni - di strumenti che consentono alle pubbliche amministrazioni di cambiare approccio verso il mercato degli appalti e che, attraverso “un dialogo aperto con le imprese e con il mondo della ricerca”, garantiscono procedure di acquisto più agili e permettono agli operatori economici di proporre risposte differenti e multidisciplinari alle richieste delle PA, valorizzando competenze e professionalità.

Riforma del Codice Appalti, ecco cosa propongono i costruttori

Il protocollo prevede una serie di azioni concrete da implementare, come percorsi di formazione e sensibilizzazione e attività di supporto tecnico operativo, che serviranno a promuovere una maggiore partecipazione delle imprese alle procedure di gara e a soddisfare le esigenze di ottimizzazione della spesa delle pubbliche amministrazioni.

Per leggere il contenuto prego
o