Italia-Cina – il piu’ grande incubatore al mondo sbarca a Milano

 

BovisaTech - Photo credit: BovisaTechInaugurata nel complesso BovisaTech la Joint Platform tra Italia e Cina. Un filo diretto tra i due Paesi e un’opportunità unica per PMI e startup di entrare in contatto con il mercato cinese.

Agroalimentare: E-Marco Polo, il Made in Italy sbarca in Cina

Il più grande polo cinese dell’innovazione sbarca a Milano. Un accordo tra Fondazione Politecnico e Tsinghua University di Pechino punta a far collaborare le rispettive eccellenze nel campo dell’innovazione e della ricerca tecnologica, creando un ponte tra Italia e Cina.

Incubatori – PoliHub terzo al mondo secondo Ubi Global

La Joint Platform è stata inaugurata nel complesso BovisaTech alla presenza della Segretaria del Comitato del Partito Comunista Cinese dell’Università Tsinghua di Pechino, Chen Xu, del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala e del Rettore del Politecnico di Milano, Ferruccio Resta

L’accordo prevede l’insediamento del colosso cinese Tus Star (il più grande incubatore al mondo con oltre 5mila aziende di cui 30 quotate in borsa) nel complesso Bovisa Tech, che oggi ospita l’esposizione di 27 startup cinesi provenienti da Tus Star e 15 progetti del sistema Politecnico. 

> Incubatori – pochi investimenti in startup, e solo da privati

L’accordo porterà, di fatto, le imprese cinesi ad aprire i loro centri di ricerca e sviluppo a Milano: un’opportunità unica per le PMI e per le startup italiane di entrare in contatto con il mercato cinese sui temi, tra gli altri, del design, dell’Industria 4.0, della robotica e del mondo automotive.

“La Tsinghua University di Pechino ha scelto Milano come punto di partenza della sua strategia europea. Abbiamo le carte in regola per essere partner solido e di lungo termine per chi vuole approdare nel continente europeo. Milano ha la capacità di cambiare continuamente e la forza di guardare al lungo termine, confermando le linee guida per il futuro, definite insieme ai partner”, ha dichiarato Sala durante l’inaugurazione.

Per leggere il contenuto prego
o