Rome Startup Week – il programma della seconda edizione

 

Rome Startup WeekCybersecurity, intelligenza artificiale, blockchain, critpovalute, innovazione sociale, mobilità sostenibile. Sono alcuni dei temi al centro della Rome Startup Week.

Resto al Sud: FAQ Invitalia su agevolazioni per nuove imprese

Al via la seconda edizione della Rome Startup Week, l’evento organizzato da Roma Startup in collaborazione con la Regione Lazio, il Comune di Roma, e numerosi operatori dell’ecosistema startup per mettere al centro l’innovazione e la cultura del rischio.

I motori si scaldano il 6 aprile, con lo Startup Weekend - Sport Edition, realizzato in collaborazione con Startup Weekend Tech Starts.

Ma la partenza vera e propria sarà domenica 8 aprile, con la conferenza inaugurale dell’evento. La sfida lanciata quest’anno dagli organizzatori è promuovere una nuova cultura del rischio, scoprire e far comprendere meglio cosa si nasconde dietro questo nuovo modello industriale dell’innovazione e invitare politici, investitori, imprenditori, neolaureati, manager e ricercatori, professionisti e risparmiatori a partecipare da protagonisti ad nuovo processo di valorizzazione delle grandi risorse già presenti sul territorio italiano e romano in particolare.

Startup – al via l’ottava edizione del premio Marzotto

La settimana sarà scandita da incontri, storie di successo, discussioni e panel di confronto internazionali su investimenti, modelli di politiche di innovazione.

E ancora, competizioni tra startup, focus group e workshop sui temi caldi quali: cybersecurity, intelligenza artificiale, blockchain, futuro del cibo, critpovalute, innovazione sociale, mobilità sostenibile.

Dopo l’euforia iniziale, l’Italia ha archiviato le startup

“Roma è la città ideale dove fare questo festival”, spiega Gianmarco Carnovale, presidente di Roma Startup, “perché la nostra città che pure è cresciuta molto in questi otto anni, da quando abbiamo cominciato a lavorare con le istituzioni e i partner privati per fare rete, ha ancora un potenziale inespresso incredibile. Siamo al centro delle culture mediterranee, siamo il maggior polo universitario europeo e abbiamo ancora grandissima ricchezza di capitali privati”.

Il “nostro obiettivo, anche con questa week, è canalizzare tutte queste risorse e concretizzarle a beneficio di tutti: degli investitori che possono trovare opportunità nelle nuove imprese, e nelle startup che se supportate da adeguate politiche ed investimenti possono diventare le nostre future multinazionali, creando posti di lavoro di qualità per i giovani”, prosegue.

Startup – due su tre vivono di risorse proprie

“L’Italia è passata troppo velocemente dall’euforia per le startup all’archiviare le startup senza occuparsene davvero, senza studiarne ed applicarne realmente le regole e metodologie internazionali. É necessario spiegare al Paese quanto le startup possano essere davvero rilevanti per il futuro della nostra economia, e come vadano supportate dai diversi attori”, continua Carnovale.

“La policy scaturita dal Decreto Crescita del 2012 – che ha visto il concetto di startup entrare nel panorama legislativo italiano, ndr - era un buon primo passo, ma era parziale già allora e lo è ancora di più adesso che i paesi a noi più vicini drenano risorse. Tramite i diversi appuntamenti della Rome Startup Week intendiamo creare un grande momento di condivisione ed apprendimento tra gli operatori dell’ecosistema nazionale ed internazionale, ed il sistema politico, educativo, industriale e finanziario del paese”.

Il programma della Rome Startup Week

Le giornate della week saranno tematiche. Da oggi a domenica, focus sulle “Idee”, con uno startup weekend organizzato da Google for Entrepreneurs per progetti di impresa sul tema Sport Tech e Gaming e con una due giorni per formare i dirigenti d’impresa sui nuovi processi aziendali offerti dalle soluzioni innovative proposta da Lean Enterprise Machine.

Lunedì 9 aprile spazio al tema dei Talenti con le storie di Successo di “Cacciatori di Unicorni” per capire le chiavi del successo direttamente da chi l’ha ottenuto. Tra gli altri è atteso Riccardo Zacconi, imprenditore romano che grazie al gioco CandyCrush ha creato un’azienda valutata 5 miliardi di euro. A seguire, approfondimenti sul ruolo delle Università e della Ricerca nella filiera.

Il 10 aprile sarà uno dei momenti principali con l’Open Innovation Summit per capire come connettere grandi gruppi aziendali con startup. Interverranno ospiti internazionali e rappresentanti dei maggiori gruppi presenti a Roma e in Italia per ascoltare Marcel Bogers, professore di fama globale responsabile della Unit for Innovation, Entrepreneurship and Management dell’Università di Copenhagen.

Inoltre sempre martedì, l’agenzia APRE, in collaborazione con l’Ospedale Bambin Gesù, eccellenza mondiale nella ricerca pediatrica, organizzerà l’apertura di una call for startups in ambito medico cui saranno invitati a partecipare i dirigenti dei maggiori ospedali di Roma.

Mercoledì è il momento dell’approfondimento delle nuove professioni nell’innovazione. Giovedì il tema è “capitali” e “politiche” e il momento centrale sarà il lancio dello Startup Act, un manifesto di linee di azione e proposte legislative redatto dalla comunità dell’innovazione italiana per coinvolgere i nuovi legislatori appena eletti e rappresentare quei passi legislativi ed istituzionali che potrebbero dare slancio all’industria dell’innovazione.

Inoltre i direttori di StartupAmsterdam e Roma Startup presenteranno l’edizione italiana del libro Startup City Guide per spiegare alle pubbliche amministrazioni come sostenere attivamente le comunità territoriali di innovatori. A seguire il CEO della startup Dealroom presenterà la Rome Startup Map e le opportunità offerte da questo nuovo strumento.

Venerdì 13, focus sulle industrie del futuro sui temi della mobilità smart, energia e sostenibilità, sport tech, social innovation e sul futuro del cibo per parlare dello sviluppo del settore agricolo e alimentare mondiale.

Infine, venerdì e sabato a chiudere la week, la competizione Gladiator Challenge per startup early stage.

> Rome Startup Week

Per leggere il contenuto prego
o