Made in Italy - guida a investimenti e commercio in Cina

 

Made in Italy in CinaDalla Nuova Via della Seta al programma Made in China 2025, dai settori del commercio elettronico e dello sviluppo sostenibile ai Giochi Olimpici invernali 2022, la Cina offre alle imprese italiane interessanti prospettive in termini di commercio e investimenti.

AIIB - quali prospettive per le imprese italiane nelle infrastrutture asiatiche?

Si è svolto a Pechino il seminario dal titolo "Strumenti finanziari pubblici di sostegno alle imprese italiane in Cina", organizzato da SIMEST (Gruppo CDP) in collaborazione con l’Agenzia ICE e la Camera di Commercio Italiana in Cina.

All’evento - inserito nel quadro della più ampia iniziativa "La Cina cambia, l’Itala riparte" - che propone un ciclo di seminari dedicati alle principali sfide per le imprese italiane in terra cinese - hanno preso parte imprenditori, manager e professionisti del mondo della consulenza, collegati dall'Ambasciata di Pechino in modalità di videoconferenza dalle diverse sedi della rete diplomatica italiana in Cina (Shanghai, Canton, Chonqqing, Hong Kong).

Mappa dei Rischi SACE - scenario in ripresa ma non privo di insidie

> Finanziamenti agevolati SIMEST

Ad aprire il seminario è stato l’ambasciatore Ettore Sequi, il quale ha ricordato che, con oltre 11 miliardi di euro di esportazioni nel 2016, la Cina è "il primo mercato di destinazione" per il Made in Italy nell'area Asia-Pacifico e rappresenta un terzo del suo valore complessivo.

Numerose, ha proseguito Sequi, sono le occasioni di sviluppo che nei prossimi anni potranno sfruttare le imprese italiane in Cina: dalla Nuova Via della Seta all'ambizioso programma di sviluppo industriale Made in China 2025, dall’e-commerce alle opportunità nelle nuove aree urbane ecosostenibili, fino ai Giochi Olimpici invernali di Pechino 2022.

In tale ottica, ha aggiunto il diplomatico, "far conoscere gli strumenti finanziari pubblici a sostegno alle imprese italiane che vogliono commerciare o investire in Cina, o con la Cina, è fondamentale in un mercato che offre, allo stesso tempo, opportunità e sfide di varia natura".

Anno del turismo UE-Cina: quali opportunita' per le imprese europee?

La Cina, ha poi sottolineato l'amministratore delegato di SIMEST Alessandra Ricci, è uno dei 15 Paesi selezionati dalla società - che insieme a SACE costituisce il Polo per l'internazionalizzazione e l'export del Gruppo CPD - "tra i must per far volare il Made in Italy", ed è ritenuta tra le "destinazioni imprescindibili" per l'export italiano. Oltre ad essere uno dei principali Paesi di sbocco per l’export, ha ricordato infine Ricci, la Cina è anche ai primi posti al mondo per prospettive di investimento

Per leggere il contenuto prego
o