Proprieta' intellettuale - consultazione per watchlist contraffazione

 

Proprietà intellettualeAperta la consultazione pubblica per creare la prima watchlist dei mercati che violano i diritti di proprietà intellettuale. Per partecipare c’è tempo fino al 31 marzo 2018.

Proprieta' intellettuale - strumenti per proteggere idee innovative

La Commissione UE ha lanciato una consultazione pubblica per creare la prima watchlist internazionale sulla contraffazione e la pirateria. Scopo dell’iniziativa è individuare i mercati che partecipano a gravi violazioni dei diritti di proprietà intellettuale o che le facilitano.

EUIPO: come tutelare la proprieta' intellettuale

La consultazione è parte integrante del pacchetto di misure presentato lo scorso novembre dalla Commissione UE per rafforzare la tutela dei diritti di proprietà intellettuale in Europa.

Misure UE per tutelare la proprietà intellettuale

Con le misure presentate a novembre la Commissione UE intende garantire la tutela efficace dei diritti di proprietà intellettuale, incoraggiando le imprese europee, in particolare le PMI e le startup, a investire in innovazione e creatività.

Sul fronte giuridico il Collegio dei commissari ha presentato nuovi orientamenti che forniscono chiarimenti sulle modalità di applicazione della direttiva sul rispetto dei diritti di proprietà intellettuale (IPRED) del 2004. La direttiva si è rivelata uno strumento utile nella lotta agli abusi in materia di diritti di proprietà intellettuale, ma nel corso degli anni alcuni Stati membri hanno interpretato in modo divergente alcune delle sue disposizioni.

Gli orientamenti chiariscono questi problemi di interpretazione, aumentano la certezza giuridica per tutte le parti interessate e facilitano direttamente la tutela civile in tutta l'UE, senza la necessità di nuove normative.

Il ruolo dell’industria

Sulla base dell'esperienza positiva acquisita nell'ambito del Protocollo d'intesa sulla vendita online di merci contraffatte del 2016, la Commissione europea sostiene inoltre le iniziative promosse dall'industria per combattere le violazioni della proprietà intellettuale, fra cui gli accordi volontari sulla pubblicità su siti web, sui servizi di pagamento e su trasporti e spedizione.

Tali accordi possono comportare una maggior rapidità d'azione contro la contraffazione e la pirateria, rispetto alle azioni giudiziarie, e integrano gli orientamenti destinati alle piattaforme online per la lotta ai contenuti illeciti recentemente adottati dalla Commissione.

Watchlist su contraffazione e pirateria

La Commissione UE ha poi proposto di rafforzare i programmi di cooperazione con i Paesi terzi (Cina, Asia sudorientale, America Latina) e di istituire una watchlist dei mercati che avrebbero partecipato a gravi violazioni dei diritti di proprietà intellettuale o le avrebbero facilitate.

Bruxelles pubblicherà una relazione aggiornata sulle misure per garantire il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale nei paesi terzi e intensificare la cooperazione tra le autorità doganali dell'Unione, in particolare valutando l'attuazione del piano d'azione doganale dell'UE sulle violazioni dei diritti di proprietà intellettuale per il periodo 2013-2017 e proponendo un'assistenza più mirata alle autorità doganali nazionali.

Brevetti essenziali

Molte tecnologie fondamentali che sono parte di norme tecniche globali (ad esempio, WiFi, 4G) sono protette da brevetti essenziali. La Commissione UE ha definito una serie di orientamenti e raccomandazioni per un sistema di brevetti essenziali equilibrato ed efficiente che concilia due obiettivi: i produttori possono accedere alle tecnologie mediante regole sulle licenze trasparenti e prevedibili e, al tempo stesso, i titolari di brevetto sono remunerati per i loro investimenti in R&S e per le attività di normalizzazione e, di conseguenza, sono incentivati a offrire le loro migliori tecnologie affinché vengano incluse nelle nuove regole.

Brevetti - guida per cercare nei principali database

Consultazione pubblica

Attraverso la consultazione pubblica la Commissione UE intende confrontarsi con gli stakeholder per pubblicare, nel corso dell’anno, una watchlist sulla contraffazione e pirateria, che in Europa ostacolano gli investimenti in quei settori il cui sviluppo si basa sulla creatività e sull’innovazione.

Si stima che nell’UE i prodotti contraffatti ammontano al 5% di tutte le importazioni, pari a 85 miliardi di euro all’anno.

Tramite la watchlist sulla contraffazione e pirateria il Collegio dei commissari intende identificare i mercati più problematici, con particolare attenzione ai mercati online, al fine di incoraggiare operatori, governi ed autorità locali ad attivarsi per ridurre le violazioni sui diritti di proprietà intellettuale che interessano beni e servizi.

Gli stakeholder interessati alla consultazione sono invitati a rispondere ad un questionario online entro il 31 marzo 2018.

> Consultazione pubblica

Photo by cce on Foter.com / CC BY-SA

Per leggere il contenuto prego
o