Anno del turismo UE-Cina: quali opportunita' per le imprese europee?

 

Anno turismo UE-CinaParte ufficialmente l'anno del turismo UE-Cina. L'iniziativa, inedita nel suo genere, offre un'occasione importante per far crescere il volume di turisti nelle rispettive aree di interesse e per promuovere opportunità di business e investimento per le imprese europee e cinesi.

Acciaio - benefici per l'industria UE dalla svolta ambientalista cinese

A quasi due anni dall'annunciato dell'allora neo presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e dal premier cinese Li Keqiang (a luglio 2016), si apre oggi con un evento di inaugurazione al Palazzo Ducale di Venezia l'Anno del turismo UE-Cina (EU-Cina Tourism Year, ECTY).

L'iniziativa, spiega Bruxelles, persegue una serie di obiettivi strategici

  • incremento del numero di visitatori nelle rispettive aree di interesse, 
  • promozione del turismo sostenibile,
  • incentivazione delle opportunità di investimento per imprese UE e cinesi,
  • miglioramento della connettività aerea tra le due aree,
  • sostegno ai negoziati in corso tra Bruxelles e Pechino per la facilitazione del rilascio dei visti.

BRICS - priorita' e prospettive di sviluppo per il 2018

Durante i prossimi dodici mesi saranno promosse interventi congiunti per:

  • campagne di promozione finanziate da partenariati pubblico-privato,
  • business summit e incontri b2b per gli operatori turistici, finanziati dal Programma COSME. 

Negli intenti di Bruxelles, l'Anno del turismo UE-Cina dovrebbe condurre a un aumento annuale del 10% dei visitatori cinesi, pari ad almeno un miliardo di euro l'anno per l'industria turistica comunitara, e la firma di circa 200 accordi di partenariato tra imprese UE e cinesi.

L'ECTY, in linea con la strategia UE sulla Cina adottata nel 2016, rientra nel quadro del più ampio partenariato strategico tra Bruxelles e Pechino e contribuisce a promuovere il 2018 come l'Anno europeo dei beni culturali.

Presenti alla cerimonia di apertura, per parte europea, la commissaria per il mercato interno, l'industria, l'imprenditorialità e le PMI Elżbieta Bieńkowska, il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani, la ministra bulgara del turismo Nikolina Angelkova (quale rappresentante della presidenza del Consiglio dell'Unione europea) e il ministro italiano dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo Dario Franceschini.

> ADB - non solo la Cina, ma tutta l'Asia diventa sempre piu' forte

Parallelamente alla cerimonia di apertura si svolge oggi l'EU-China Tourism Business Summit, il primo vertice sulle imprese turistiche UE-Cina. Sul tavolo del summit, tra le altre cose:

  • il futuro della connettività aerea Cina-UE,
  • la promozione dei servizi di viaggio "one stop”
  • le questioni di connettività dei trasporti
  • gli strumenti digitali per il turismo di domani
  • l'accoglienza della diversità universale,
  • lo sviluppo di itinerari turistici culturali su misura.
Per leggere il contenuto prego
o