Economia blu - nel 2020 Italia e Marocco a capo di WestMed

 

Mediterraneo occidentaleNel 2020 Italia e Marocco guideranno l'iniziativa WestMed per lo sviluppo sostenibile dell'economia blu nel Mediterraneo occidentale.

UE - azioni per sviluppo sostenibile nel Mediterraneo occidentale

Ricerca - Moedas, Horizon 2020 strumento per cooperazione Mediterraneo 

In occasione della prima riunione informale dell'iniziativa WestMed, svoltasi a Napoli, i ministri di Algeria, Francia, Italia, Libia, Malta, Mauritania, Marocco, Portogallo, Spagna e Tunisia hanno definito una serie di azioni comuni nell'ambito dell'iniziativa WestMed per lo sviluppo sostenibile dell'economia blu nel Mediterraneo occidentale.

Iniziativa WestMed per la blue economy

L'iniziativa WestMed, lanciata lo scorso aprile dalla Commissione Ue, intende rendere lo spazio marittimo comune più sicuro, più pulito e più produttivo. L'iniziativa è frutto di anni di dialogo tra 10 Paesi della regione del Mediterraneo occidentale: cinque Stati membri dell'Ue (Francia, Italia, Portogallo, Spagna e Malta) e cinque paesi partner meridionali (Algeria, Libia, Mauritania, Marocco e Tunisia).

WestMed persegue tre obiettivi principali:

  1. uno spazio marittimo più sicuro e protetto,
  2. un'economia blu intelligente e resiliente,
  3. una migliore governance del mare.

Per ciascun obiettivo sono state individuate lacune e sfide, definendo priorità e azioni mirate.

Per l'obiettivo n. 1 le priorità includono la cooperazione tra le guardie costiere nazionali e la risposta in caso di incidenti e fuoriuscite di petrolio. Le azioni specifiche si concentreranno sul potenziamento dell'infrastruttura di monitoraggio del traffico, sullo scambio di dati e sulla creazione di capacità.

Per l'obiettivo n. 2 la priorità includono la raccolta di nuovi dati, la biotecnologia e il turismo costiero.

Per l'obiettivo n. 3, infine, la priorità è data alla pianificazione spaziale, alla conoscenza dell'ambiente marino e alla pesca sostenibile.

L'iniziativa - finanziata mediante fondi e strumenti finanziari esistenti a livello internazionale, dell'Ue, nazionale e regionale, coordinati e complementari - dovrebbe creare un effetto leva e attrarre finanziamenti da altri investitori pubblici e privati.

Prima riunione informale a Napoli

A Napoli, durante la prima riunione informale, i ministri dei Paesi interessati hanno stabilito il sistema di governance dell'iniziativa WestMed, definendo il suo comitato direttivo, che sarà copresieduto da:

  • Algeria e Francia nel 2018,
  • Francia e Marocco nel 2019,
  • Marocco e Italia nel 2020.

La riunione informale si è conclusa con l'adozione di una dichiarazione firmata dai 10 Paesi partecipanti, che hanno incoraggiato la Commissione europea, i donatori internazionali, le istituzioni finanziarie e gli investitori privati ​​a proseguire gli sforzi per allineare i fondi e gli strumenti finanziari alle priorità dell'iniziativa WestMed.

I firmatari si sono anche impegnati a coordinare le politiche e i fondi locali, nazionali, europei e regionali per sostenere l'attuazione dell'iniziativa e il raggiungimento dei suoi obiettivi.

"Per dare un contributo importante alla crescita delle nostre società, ci impegniamo a promuovere nei Paesi del Mar Mediterraneo occidentale uno sviluppo pacifico e sostenibile a livello sociale, economico e ambientale", ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio.

Dichiarazione

Photo by bh-fotografie on Foter.com / CC BY-ND

Per leggere il contenuto prego
o