Energia – consultazione su strategia reti transeuropee TEN-E

 

TEN-E - Photo credit: Foter.comLa Commissione Ue lancia una consultazione pubblica sulla strategia per le reti transeuropee dell'energia (TEN-E).

Connecting Europe Facility – i finanziamenti del WP Energia 2017

Connecting Europe Facility - chi ha ottenuto i finanziamenti del secondo bando Energia 2016

C'è tempo fino al 4 settembre 2017 per partecipare alla consultazione pubblica Ue sulla strategia per le reti transeuropee dell'energia (TEN-E), i cui orientamenti sono fissati dal Regolamento 347/2013.

Il regolamento sulle TEN-E

L'interconnessione, l'interoperabilità e lo sviluppo delle reti transeuropee per il trasporto del gas e dell'elettricità, si legge nel Regolamento, sono tra gli strumenti indispensabili per il buon funzionamento del mercato interno dell'energia.

Obiettivo primario di queste reti è offrire ai cittadini europei servizi di buona qualità e un ampio ventaglio di scelte, grazie alla diversificazione delle fonti di energia. Il tutto a prezzi più competitivi di quelli attuali. Fondamentale, in questo contesto, è anche l'interoperabilità delle TEN-E con le reti dell'energia dei Paesi terzi (Paesi in fase di adesione o candidati, del bacino del Mediterraneo, del Mar Nero, del Caspio, del Medio Oriente e della regione del Golfo).

L'accesso alle TEN-E, si legge ancora nel Regolamento, contribuisce poi a ridurre l'isolamento delle regioni meno favorite e di quelle insulari e periferiche, rafforzando in tal modo la coesione territoriale dell'Unione. Infine, l'interconnessione delle reti favorisce lo sviluppo sostenibile, grazie al collegamento degli impianti di produzione di energia rinnovabile e al ricorso a tecnologie più efficienti, che limitano le perdite e i rischi per l'ambiente dovuti al trasporto e alla trasmissione di energia.

Il Regolamento 347/2013 introduce, infine, il concetto di progetto di interesse comune, inteso come quell'iniziativa nel campo delle reti del gas e dell'elettricità che presenta prospettive di redditività economica sulla base di analisi dei costi e dei benefici rispetto all'ambiente, alla sicurezza degli approvvigionamenti e alla coesione territoriale.

Nell'ambito della strategia per le reti transeuropee dell'energia, la Commissione ha individuato 9 corridoi e 3 aree tematiche prioritarie:

  • i primi sono aree che coprono due o più Paesi Ue in cui è necessario sviluppare urgentemente le infrastrutture per l'elettricità, il gas o il petrolio;
  • le aree tematiche (smart grid, autostrade elettriche e rete transfrontaliera per il trasporto dell'anidride carbonica) coprono l'intera Unione europea.

I progetti infrastrutturali lanciati nell'ambito dei corridoi e delle aree tematiche possono candidarsi a diventare Progetti di interesse Comune (PIC). Questi ultimi, considerati essenziali per completare il mercato europeo dell'energia, possono accedere, fra gli altri, ai finanziamenti previsti dal programma Connecting Europe Facility (CEF).

Consultazione pubblica sulle TEN-E

La consultazione, che resterà aperta fino al 4 settembre 2017, si rivolge a tutti i cittadini e le organizzazioni, con particolare attenzione a coloro che sono interessati dagli effetti dei costi dei progetti di trasmissione dell'energia sui prezzi finali e dall'impatto di questi sull'ambiente.

Parallelamente, c'è ancora tempo per partecipare alla consultazione sul terzo elenco di progetti di interesse comune nel campo del gas e dell’elettricità, che si chiuderà il 19 giugno.

> Regolamento 347/2013 

> Consultazione pubblica sulla strategia per le reti transeuropee dell'energia (TEN-E)

Photo credit: Foter.com

Per leggere il contenuto prego
o