Trasporti: Ue punta su mercato interno e mobilita' sostenibile

 

Dal quadro di valutazione 2016 emerge che le priorità del settore sono il rafforzamento del mercato interno e la transizione verso una mobilità a basse emissioni.

Trasporti - Photo credit: Aero Icarus via Foter.com / CC BY-NC-SA

Trasporti - Autobus, allo studio maxi gara Consip

Connecting Europe Facility - Trasporti, i finanziamenti dei bandi 2016

La Commissione europea ha pubblicato oggi l'edizione 2016 del Quadro di valutazione dei trasporti dell'Ue, nel quale sono messi a confronto i risultati degli Stati membri in 30 categorie relative a tutti gli aspetti del settore.

L'obiettivo del Quadro di valutazione è aiutare i Paesi Ue a individuare i comparti che richiedono investimenti e interventi in via prioritaria. Il documento mostra come l'Unione sta approfondendo ulteriormente il mercato interno dei trasporti e promuovendo la transizione verso una mobilità a basse emissioni, due priorità della Commissione Juncker.

> Mobilità sostenibile, ecco il decreto da 35 milioni

In base ai dati emersi dal quadro di valutazione, i Paesi Bassi registrano i risultati migliori per il terzo anno di fila con punteggi elevati in 15 categorie su 30, seguiti da Svezia, Germania e Austria. Paesi che, si legge sulla nota della Commissione, "hanno punti di forza diversi, ma hanno tutti in comune un solido quadro per gli investimenti, punteggi elevati nella sicurezza dei trasporti e buoni precedenti di attuazione del diritto dell'Ue".

L'Italia, che nella classifica generale della Commissione si piazza  al diciassettesimo posto, è tra i Paesi dell'Unione europea con la più alta percentuale di competitor rispetto all'operatore principale nel mercato ferroviario, sia per il trasporto passeggeri che per la logistica.

Alla fine di luglio 2016, si legge sulla sintesi dell'Esecutivo Ue, il Paese ha avuto un certo numero di cause pendenti per presunte violazioni del diritto dell'Ue nel settore del trasporto aereo. Tuttavia, il numero complessivo delle cause pendenti è complessivamente basso. Infine, la quota di occupazione nelle imprese ad alta crescita del settore è vicina alla media Ue.

> Autotrasporto - Incentivi per gli investimenti alle imprese

Obiettivo principale per il settore, ha commentato la commissaria Ue responsabile per i Trasporti Violeta Bulc, è "un sistema di trasporti di alta qualità, decarbonizzato, efficiente e pienamente integrato. In questo percorso, il quadro di valutazione funziona da cartello stradale: indica la via e la distanza che resta da percorrere. È uno strumento utile per noi, per gli Stati membri e per le parti interessate per capire dove facciamo bene e dove invece c'è bisogno di ulteriori azioni e investimenti. È particolarmente incoraggiante - ha concluso Bulc - notare che gli sforzi della Commissione per colmare il divario di investimenti nel settore dei trasporti stanno cominciando a dare frutti".

Photo credit: Aero Icarus via Foter.com / CC BY-NC-SA

Per leggere il contenuto prego
o